Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

All’Italia presidenza nel 2014 assemblea IRENA, Agenzia per le “rinnovabili”

Soddisfazione del ministro Gentiloni: riconosciuti nostri sforzi nella "green economy"

ABU DHABI, 18 GENNAIO – A conclusione dell’assemblea generale dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA), svoltasi sabato e domenica scorsi ad Abu Dhabi, l’Italia è stata eletta alla presidenza dell’assemblea del 2017. L’IRENA, che ha sede negli Emirati Arabi Uniti e di cui fanno parte 145 Paesi e numerosi organismi internazionali, ha affrontato nel corso dei lavori i temi di maggiore attualità dello sviluppo delle energie rinnovabili e della collaborazione internazionale in questo campo. L’Italia ha partecipato all’assemblea con una delegazione guidata dal Segretario Generale della Farnesina Michele Valensise.

“Si tratta di un riconoscimento significativo per l’Italia, per l’impegno nel settore delle energie rinnovabili e ne sono molto soddisfatto”, ha commentato il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. “Con l’elezione dell’Italia alla presidenza dell’Irena viene premiata l’azione coerente del nostro Paese sia sul piano interno, per la promozione di energie pulite e di tante opportunità offerte dalla “economia verde”, sia nell’ambito della cooperazione con Paesi terzi e delle nuove sinergie che stiamo realizzando in questo settore, cruciale per uno sviluppo ordinato e sostenibile a livello mondiale”.

Alla 6a Assemblea generale dell’IRENA hanno partecipato i leader e i funzionari governativi di oltre 150 Paesi (tra gli altri, il segretario esecutivo dell’UNFCCC, Christiana Figueres e il Commissario UE per l’Energia e l’Azione climatica Miguel Arias Cañete) con l’obiettivo di definire l’agenda globale per l’implementazione delle energie rinnovabili e di compiere passi concreti per accelerare la transizione energetica in atto, alla luce dell’Accordo sul Clima, raggiunto a Parigi lo scorso dicembre.

Secondo il Rapporto dell’Agenzia “REthinking Energy”, diffuso proprio alla vigilia della Conferenza di Parigi, il conseguimento del 36% del fabbisogno energetico prodotto da energie rinnovabili nel 2030 comporterebbe la metà di tutte le riduzioni di emissioni necessarie per mantenersi lungo la traiettoria dell’obiettivo di +2 °C alla fine del secolo, mentre l’altra metà sarebbe fornita dalle misure di efficienza energetica. Per conseguire questo obiettivo, fondamentale non solo per contrastare i cambiamenti climatici, ma anche per  raggiungere la maggior parte degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, fissati dall’Assemblea Generale dell’ONU il 27 settembre 2015, bisogna raddoppiare la quota globale delle rinnovabili nel mix energetico entro il 2030.

(@francesmorandi, 18 gennaio 2016)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts