Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

UNHCR, Grandi a Damasco: consentire accesso regolare e durevole a umanitari

DAMASCO, 25 gennaio – L’Alto rappresentante dell’Onu per i rifugiati, Filippo Grandi, ha visitato nei giorni scorsi Amman, dove ha incontrato re Abdallah, e Damasco. Nella sua prima vista in Siria da quando è stato nominato capo dell’Unhcr, Grandi ha lanciato dalla capitale sitriana un appello a tutte le parti attualmente in conflitto perchè consentano un accesso regolare, durevole e senza ostacoli alle organizzazioni umanitarie in modo da poter raggiungere le zone assediate, molte delle quali strette nella morsa della guerra e della fame.

”La gente ha bisogno del nostro aiuto – ha detto Grandi facendosi interprete di un appello lanciato da 120 organizzazioni e agenzie umanitarie – Ogni nuovo caso di morte per fame di un bambinio, sarebbe terribile”.

Nel corso della sua visita Grandi ha incontrato il ministro degli Esteri ed altre autorità siriane cui ha ricordato l’impegno di Unhcr a fornire aiuto alle persone rifugiate interne e la collaborazione per intensificare i programmi per garantire il sostentamento, l’istruzione e la formazione professionale.

Grandi ha anche visitato un policlinico gestito dalla Croce Rossa siriana dove è stato testimone di un consistente affollamento di persone che chiedono di essere trattate per malattie croniche o di ordine psicologico causate dalla guerra.

”La crisi in Siria è la più grande che l’Hcr si trovi a gestire – ha spiegato il responsabile – Questa realtà mi colpisce soprattutto quando vedo che le persone qui ricoverate non sono solo dei rifuguati, ma anche persone gravemente malate”.

La crisi nel paese mediorientale a causa del suo protrarsi ha avuto un effetto devastante su milioni di siriani, tra cui 6,5 milioni – stima l’Hcr – sono profughi interni e 4,6 milioni hanno raggiunto i paesi vicini, mentre 13,5 milioni di siriani hanno necessità di aiuti umanitari.

(MNT, 25 gennaio 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts