Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

UNHCR: Grandi in Etiopia, vertice UA, campi profughi, bilaterali

a presidente Liberia Sirleaf, best practice per rimpatrio costadavoriani

ADDIS ABEBA, 30 GENNAIO – Dopo aver dedicato al Medioriente il suo primo viaggio ufficiale nel nuovo incarico di Alto Commissario per i rifugiati, per Filippo Grandi e’ adesso la volta dell’Africa. Grandi, in questi giorni ad Addis Abeba per partecipare al 26esimo Summit dell’Unione Africana, lunedi’ visiterà i campi profughi nell’area di Shire, nel nord dell’Etiopia.

“Sono rimasto colpito dalla gnerosita’ di questo paese che ospita oltre 730 mila profughi”, ha detto l’alto funzionario italiano scelto dal segretario generale Ban Ki moon per gestire la più grave emergenza rifugiati dai tempi della seconda guerra mondiale.
Grandi ha incontrato ad Addis Abeba il vice-primo ministro e ministro degli esteri etiope Hailemariam Desalegn Boshe. Ha avuto anche un colloquio con Ellen Johnson Sirleaf, la presidente liberiana. l’Alto commissario, che nel corso della sua lunga carriera al servizio delle Nazioni Unite ha lavorato nel 1993 in una missione di emergenza in Liberia, ha espresso apprezzamento per il processo di rimpatrio dei profughi della Costa d’Avorio e ha citato la Liberia come esempio di best practices nelle crisi dei profughi.

I profughi in Etiopia – oltre 734.000 quelli registrati vengono da da Sud Sudan, Somalia ed Eritrea. I quattro campi nella zona di Shire ospitano circa 38.000 rifugiati eritrei, la maggior parte dei quali ha meno di 25 anni. Negli ultimi anni molti rifugiati hanno lasciato questi campi, alcuni per stabilirsi in altre parti dell’Etiopia ma molti per raggiungere il Nord Africa e l’Europa.

Per la maggior parte di essi è stata la mancanza di educazione o di opportunità lavorative che li ha spinti ad abbandonare i campi in cui si trovavano. Ritengono, infatti, di non poter costruire un futuro migliore restando in un campo che fornisce loro solo servizi di prima necessità.

Tende nel campo di Hitsats

Tende nel campo di Hitsats

Grandi – riporta un comunicato di UNHCR Italia – visiterà il campo di Hitsats, nel nord ovest della regione del Tigre’, per vedere in prima persona le condizioni di vita nel campo e per discutere con i rifugiati sui miglioramenti da apportare rispetto ai servizi che vengono forniti e sulle possibili soluzioni per porre fine a una delle situazioni di emergenza rifugiati che si protrae da più tempo in Africa.

Secondo le agenzie umanitarie erano profughi eritrei la maggioranza dei tremila annegati nel 2015 nel Mediterraneo. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts