Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

“ONU delle religioni”, Card. Scola: le fedi possono fare più della politica

L'arcivescovo di Milano: comunicare nell'umiltà e nell'amore guardando alla realtà

Gianni Riotta, l'Arcivescovo Scola, Rolla Scolari e Don Milanesi

MILANO, 30 GENNAIO – “Le religioni possono fare più della politica nel dialogo tra popoli”.  Lo ha detto a OnuItalia.com l’arcivescovo di Milano, Angelo Scola  a margine di un convegno su “Comunicazione e Misericordia” organizzato questa mattina presso l’Istituto dei ciechi del capoluogo lombardo, al quale hanno partecipato anche Gianni Riotta, editorialista de La Stampa e conduttore Rai, Don Davide Milanesi e Rolla Scolari, italo-libanese direttrice di Oasis.  Interpellato sul progetto di un “ONU delle religioni” – proposto dall’ex presidente israeliano Shimon Peres a Papa Francesco nel loro incontro in Vaticano nel settembre del 2014, al quale partecipò anche il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese, Abu Mazen -, l’arcivescovo Scola ha rilevato che, nonostante il progetto non abbia trovato attuazione ufficiale,  “ogni iniziativa in questa direzione di dialogo  tra popoli è preziosa: le fedi devono comunicare nell’umiltà e nell’amore, e possono farlo meglio della politica”.

Cristianesimo, Ebraismo, Islam e le altre religioni “devono affrontare un dialogo agganciato alla realtà senza intellettualismi e artificiosità”,  ha evidenziato Scola sottolineando la necessità di “ascoltarsi reciprocamente in profondità, rispetto alle proprie fatiche e dolori, per dare spazio alla ragione umana e alla comune appartentenza alla famiglia umana”.

Nel corso del convegno il Cardinale ha sottolineato come “i processi di immigrazione in corso in Italia presentano numeri  di portata storica ed anche tragica, se pensiamo alle migliaia di morti nel Mar Mediterraneo” e  “anche se flussi sono in corso da vent’anni, oggi la loro accelerazione, provocata da guerre e povertà, porta a tempi diversi da quelli sperimentati  da Gran Bretagna o Germania”, ponendo criticità.  Ma un rifiuto del “dato di realtà”,  come la “presenza nel nostro Paese di oltre un milione di musulmani” può solo deviare dall’obiettivo di costruire una società plurale e dialogante nell’interesse comune umano. L’anno Giubilare della Misericordia è un’occasione”. (@francesmorandi, 30 gennaio 2016)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts