Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: Gentiloni a Der Spiegel, con crisi a rischio futuro Europa

Ue si e' svegliata molto tardi, rivedere Dublino per salvare Schengen

immigrazione

BERLINO, 6 FEBBRAIO – Con la crisi migratoria e’ a rischio il futuro dell’Europa “perché questa crisi si riflette su altre questioni: il referendum britannico sull’uscita dall’Unione Europea o l’avanzamento dei populisti in più Paesi europei. Questo mix minaccia il futuro dell’Europa. Stiamo attraversando molto probabilmente la più grave crisi nella storia dell’UE. Il tema dell’immigrazione ci consentirà di dire se la superiamo o meno”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in una intervista a Der Spiegel.

Secondo Gentiloni l’Europa, sul tema delle migrazioni, si e’ svegliata tardi. “Mi sia consentito ricordare che fino al maggio 2015 non esisteva una agenda comune europea sulla questione migratoria. Nulla, zero. Soltanto dopo un’ennesima tragedia nel Mediterraneo e su iniziativa italiana si è iniziato ad immaginare e definire delle linee guide per la registrazione dei profughi, la loro distribuzione o il loro rimpatrio”.

A fronte della crisi, il ministro ha detto che “il messaggio ‘non possiamo accogliere tutti’ è imprescindibile”. Se da un lato ci sono “tante centinaia di migliaia di
richiedenti che hanno diritto all’asilo” in Europa, “bisogna riuscire a mandare indietro nei loro Paesi i centinaia di migliaia di migranti all’anno, che non hanno questo diritto”.
Gentiloni vede negli accordi di Dublino un problema urgente: “Se vogliamo ostinarci su questo metodo – conclude – non diciamo altro che ‘difendiamo Dublino e rinunciamo a
Schengen'”.

L’alternativa? “Nel 2015 sono giunti in Grecia 900.000 migranti. Questo carico deve essere sostenuto assieme. Cioè a dire: una comune polizia di frontiera, una distribuzione dei profughi sul territorio dell’UE, e il rimpatrio di coloro che non hanno diritto ad ottenere asilo. D’altra parte, la logistica e il finanziamento devono essere a carico di tutti”.

Per leggere l’intervista a Gentiloni in italiano, cliccare qui:

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts