Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Mattarella in Usa: all’ONU da Ban e Lykketoft

Mattarella
NEW YORK, 7 FEBBRAIO – Dossier libico e crisi dei rifugiati, superamento dell’austerità economica in Europa con i negoziati sull’accordi commerciale Usa-Ue sullo sfondo. Ma anche, a New York, la candidatura italiana per un seggio non permanente in Consiglio di Sicurezza nel biennio 2017-18: il voto dell’Assemblea Generale in calendario fine giugno e’ alto nell’agenda americana del presidente della repubblica Sergio Mattarella, da ieri a Washingon dove domani incontrerà il presidente Barack Obama.
La tappa newyorchese sara’ centrale nella visita americana di Mattarella che si concluderà il 13 febbraio alla NASA di Houston. Il capo dello Stato sara’  mercoledi’ a New York per incontrare sia il Segretario generale Ban Ki Moon che il presidente dell’Assemblea Generale Mogens Lykketoft. Una tappa preceduta da un ricevimento organizzato dalla missione italiana con gli ambasciatori dei Paesi membri dell’ONU.
L'aula del Consiglio di Sicurezza

L’aula del Consiglio di Sicurezza

L’Italia, che in 60 anni all’ONU ha già seduto sei volte in Consiglio di Sicurezza, e’ in corsa per uno dei due seggi a rotazione in palio per il gruppo WEOG (Europa Occidentale e altri). Per lo stesso biennio sono in lizza anche Svezia e Olanda, candidati agguerritissimi. Ma anche il nostro paese, che ha avanzato la candidatura già nel 2009 certo di potere fornire anche questa delicata congiuntura internazionale un contributo significativo, ha credenziali forti che rendono i diplomatici italiani, a questo punto della corsa, “fiduciosi”: ottavo contributore dell’Onu, primo occidentale quanto a truppe in missioni di pace, in prima fila nei salvataggi dei rifugiati in mare, nel sostenere battaglie come quelle per la moratoria della pena di morte e per promuovere l’uguaglianza di genere e i diritti delle donne e delle bambine anche attraverso la lotta a pratiche quali le mutilazioni genitali femminili e i matrimoni precoci e forzati. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts