Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: #safepassage! il 27 marcia europea per i diritti dei rifugiati

ROMA, 24 febbraio – #SafePassage!: E’ l’hasgtag scelto per lanciare la campagna europea che convoca per sabato 27 febbraio una marcia in favore dei diritti dei migranti, per creare percorsi sicuri, per chiedere di smuovere le politiche europee in materia di migrazioni. Secondo il sito ‘Cronache di ordinario razzismo’ che pubblica l’appello a manifestare, si chiede che l’Europa si adoperi subito per creare dei ”viaggi sicuri” e per difendere i diritti dei rifugiati.

I cittadini europei scenderanno in piazza per la creazione del #SafePassage, chiedendo ai governi europei di agire adesso: un viaggio sicuro da terre devastate dalla guerra a rifugi sicuri, la libera circolazione dal punto di arrivo in Europa alla meta di destinazione, no ai braccialetti, no alle confische e alla chiusura dei confini.

Sono già 23 i paesi aderenti, con oltre 100 città sparse in Europa.

Qui di seguito il testo dell’appello in inglese, con il link all’evento internazionale Facebook, dove ci sono continui aggiornamenti sulle città che stanno aderendo all’iniziativa.

 

12717542_1732367876981105_3168128381975959747_n-200x200[1]On 27 February 2016 European citizens will come together in cities across the continent to stand up for human rights in Europe.We are demanding that European authorities and governments take action now to open secure safe passage routes for all those who seek protection.

  • #‎safepasssage means legal and safe routes: no more deaths at our borders
  • #safepasssage means protection for refugees on their travel through Europe
  • #safepasssage means keeping internal borders open within Schengen
  • #safepasssage means high standards of reception and asylum in all European countries, no longer diminishing the rights of asylum seekers and refugees, allowing refugees to keep their belongings, allowing them to be reunited with their families immediately and providing stability as far as their right of residence is concerned.

These people are running away from war, persecution and starvation. But Europe is looking the other way – a death count in the Mediterranean Sea of 360 men, women and children in January 2016 and appalling conditions in refugee camps like Calais and Dunkirk speak for themselves.

The death of three year old Alan Kurdi in September 2015 sparked a global outrage, but since then more than 300 children have silently drowned. According to the UN children now make up over one third of groups crossing from Turkey to Greece.

The need to provide safe passage has never been more urgent.

Europe has dealt with bigger challenges in the past.

We know Europe can do better, and we demand that our leaders do better.

(MNT,  24 febbraio  2016)

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts