Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

L’ONU “battezza” Milano città mondiale per il diritto al cibo

Il riconoscimento è giunto oggi da Hilal Elver, Relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto all'alimentazione

Hilal Elver, Relatore delle Nazioni Unite per il diritto al cibo

MILANO, 26 FEBBRAIO – Dall’ONU è giunto oggi un riconoscimento del ruolo internazionale di Milano come città impegnata nella lotta  per il diritto al cibo . Ad affermarlo è stata  Hilal Elver, Relatore speciale delle Nazioni Unite per diritto all’alimentazione, presente oggi a un seminario tenutosi a Palazzo Pirelli, al quale hanno partecipato anche Livia Pomodoro, presidente del Milan Center for Food Law and Policy, e Raffaele Cattaneo, presidente del Consiglio regionale della Lombardia.
Nel suo intervento Elver ha sottolineato come l’obiettivo di ridurre gli sprechi alimentari e la fame nel mondo sia possibile solo se tutti i Paesi e le Nazioni riusciranno a sviluppare una adeguata sensibilità sul tema a fronte delle evidenti differenze e disparità oggi presenti.  I lavori sono stati occasione per fare il punto sul percorso tracciato dal Manifesto per Milano Capitale mondiale dell’alimentazione, presentato ufficialmente il 15 febbraio scorso e al quale hanno già aderito da tutto il mondo oltre 50 soggetti tra cui la FAO, l’ONU e la Commissione europea.

Livia Pomodoro, presidente del Milan Center for Food Law and Policy e già presidente del Tribunale di Milano

Livia Pomodoro, presidente del Milan Center for Food Law and Policy e già presidente del Tribunale di Milano

La candidatura di Milano a capitale mondiale dell’alimentazione è promossa dal Milan Center for Food Law and Policy presieduto da Livia Pomodoro, che nel suo intervento ha evidenziato come “la nostra è una rete aperta a coloro che vogliono sviluppare il tema del diritto a un cibo adeguato per tutti, consapevoli che in futuro possa esserci cibo sufficiente per tutti, ma con il rischio di avere metà della popolazione mondiale super nutrita e la restante metà sotto nutrita”. Oggi, ha precisato l’ex presidente del Tribunale di Milano,  nel mondo circa 800 milioni di persone soffrono di fame cronica e più di due miliardi sono malnutrite: ciò nonostante ogni anno 1,3 miliardi di tonnellate di cibo viene sprecato.

Raffaele Cattaneo ha ricordato i contenuti della “Carta di Milano”, vera eredità di Expo 2015,  sottoscritta da un milione e mezzo di persone e che “afferma il diritto al cibo come parte essenziale del più ampio diritto alla vita”, e ha sottolineato come i contenuti della Carta siano alla base della legge per il riconoscimento e la tutela del diritto al cibo, approvata dal Consiglio regionale lombardo nel novembre dello scorso anno. L’obiettivo della Lombardia, ha concluso, è quello  “di ridistribuire in modo equo le eccedenze ed eliminare entro il 2025 almeno il 50% degli sprechi alimentari in Lombardia”.

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts