Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Diritti umani: Coinvolgere i leader religiosi nella prevenzione dei genocidi

GINEVRA, 6 MARZO – L’Italia sostiene il rafforzamento dell’azione preventiva delle Nazioni Unite contro i genocidi, grazie anche al coinvolgimento dei leader religiosi. E’ questo il messaggio espresso dall’Ambasciatore Maurizio Enrico Serra, Rappresentante permanente dell’Italia presso le Organizzazioni Internazionali a Ginevra, che ha partecipato  venerdì scorso ai lavori della 31esima sessione del Consiglio dei Diritti Umani presso la sede ginevrina dell’ONU.

L'Ambasciatore Maurizio Enrico Serra

L’Ambasciatore Maurizio Enrico Serra

“L’impegno dell’Italia nella difesa dei diritti umani nel mondo è incalcolabile”, ha affermato Serra, che nel suo intervento al “Dialogo sulla prevenzione dei genocidi” ha evidenziato come “l’Italia ha sostenuto e contribuito alla cornice legislativa delle Nazioni Unite per l’analisi dei crimini atroci, la cui adozione ha segnato un importante punto di riferimento per rafforzare la capacità dell’ONU di avvertimento anticipato ai fini preventivi di tali crimini”.

“Apprezziamo particolarmente l’enfasi attribuita al ruolo degli attori non statali, come leader religiosi e i media – ha aggiunto l’Ambasciatore Serra – . La ragione è che le cause più frequenti dei conflitti e degli atti che oggi sono qualificati come ‘crimini internazionali’, non sono più identificabili come azioni di natura individuale. Lo scoppio di conflitti sociali è infatti strettamente collegato a elementi e tradizioni di natura sociale, culturale, politica e religiosa. E’ allora importante che le violenze settarie e le persecuzioni condotte su base religiosa siano usati come indicatori o segni di avvertimenti sul rischio di crimini atroci”.

“Sulla base di questi ragionamenti – ha concluso il Rappresentante permanente dell’Italia presso le Organizzazioni Internazionali a Ginevra -, accogliamo positivamente l’organizzazione, supportata dall’ufficio del Consigliere speciale dell’ONU per la prevenzione dei genocidi Adama Dieng, di seminari regionali finalizzati a definire un Piano di azione sul ruolo dei leader religiosi nella prevenzione di crimini atroci”. (francesmorandi, 6 marzo 2016)

The following two tabs change content below.

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l’agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all’Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Francesca Morandi

Dal 2000 sono giornalista, ho iniziato con un internship per l'agenzia di stampa americana Dow Jones, passando per una breve esperienza all'Ansa a Londra, e tanti anni nelle redazioni milanesi di quotidiani, giornali online e agenzie di stampa. Per me il giornalismo è un servizio, soprattutto per chi non ha voce. Contact: Website | More Posts