Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Harvard WORLDMUN 2016, a Roma anche la più importante delle simulazioni Onu

 

1430494506493[2]ROMA, 8 marzo -Appena archiviato il Festival internazionale delle Carriere, Roma si prepara ad accogliere altri giovani studenti universitari provenienti da tutto il mondo per un altro prestigioso appuntamento, il WORLDMUN 2016, la più importante simulazione ONU promossa da Harvard University. Si tratta di una delle più celebri università nel mondo, in cui si sono formati leader politici mondiali, sette Presidenti degli Stati Uniti, da J.F.Kennedy a Barack Obama, Premi Nobel e molti grandi protagonisti dell’attualità, da Bill Gates a Mark Zuckerberg

Tremila delegati di oltre 110 nazionalità si ritroveranno dal 14 al 18 marzo per la venticinquesima edizione dell’Harvard World Model United Nations, detti anche le ‘Olimpiadi’ dei Model United Nations, organizzato da Harvard University in collaborazione con United Network, associazione italiana già leader nella organizzazione dei Model in Italia e nel mondo, e con il sostegno di Regione Lazio, Metaenergia, Finmeccanica, Siae, Università degli Studi di Roma La Sapienza, Coldiretti. Le più recenti edizioni di WorldMun si sono svolte a Puebla (Messico), Ginevra (Svizzera), Pechino (Cina), Belo Horizonte (Brasile), Sharm-el-Sheikh (Egitto), Taipei (Taiwan), Singapore, Vancouver (Canada), Melbourne (Australia), Bruxelles (Belgio), Seul (Corea del Sud).

Harvard WorldMun nasce nel 1992 a Miedzyzdroje (Polonia), con lo scopo di far riunire i futuri leader per far loro immaginare un ordine mondiale successivo alla fine della Guerra Fredda e alla caduta del Muro di Berlino. Da allora il numero di partecipanti è passato da trecento ai circa tremila dell’edizione 2016, e la missione di WorldMun non è cambiata: oggi come allora gli studenti, selezionati tra i migliori delle università di provenienza, sia pubbliche che private, sono chiamati a confrontarsi e ridisegnare le istituzioni globali del futuro in un momento cruciale come quello attuale, in cui stiamo vivendo grandi cambiamenti e vere rivoluzioni rispetto a vecchi schemi ed equilibri mondiali.

renzi-640[1]”Il tema della conferenza di quest’anno, #Future25, spingerà i delegati a trarre insegnamento dal passato per ridisegnare il futuro della politica e dell’umanità”spiega Joseph P. Hall, Segretario Generale di Harvard WorldMun. Ricca della sua eredità culturale, Roma sarà il luogo nel quale inizieremo a immaginare i prossimi venticinque ann”. Partecipano ad Harvard WorldMun studenti universitari provenienti da quasi tutti i Paesi aderenti all’ONU, convocati dall’Harvard Secretariat ogni anno in una nazione diversa per partecipare a questo grande evento didattico e culturale, unico al mondo. Dagli Stati Uniti alla Russia, dai Paesi del Sud America ed Europa alla Cina, dall’Iran all’Afghanistan, dall’Iraq e Siria, fino ai più piccoli Stati, tutto il mondo sarà rappresentato a WorldMun grazie ai suoi più promettenti studenti.

Nel corso della settimana sono simulati i lavori di 20 tra Commissioni delle Nazioni Unite, organizzazioni internazionali e enti governativi, trattando i più importanti temi dell’attualità: scenari di guerre, crisi economiche, cambiamenti climatici e temi ambientali, emergenze sanitarie, e molto altro. Durante le conferenze quotidiane, i delegati assumono il ruolo di Ambasciatori e tengono discorsi pubblici, preparano draft resolutions e, negoziano con gli stakeholders e risolvono conflitti attraverso l’utilizzo delle regole di procedura delle Nazioni Unite. La lingua ufficiale del World Harvard Model United Nations è l’inglese. La cerimonia di inaugurazione di WorldMun si terrà lunedì 14 marzo presso il Palazzo dei Congressi, interverranno il presidente del consiglio Matteo Renzi, il Rettore della Sapienza Eugenio Gaudio e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

papa-francesco-sorridente[1]La settimana che gli studenti vivranno a Roma sarà dunque densa di eventi e nuove esperienze, con incontri speciali: uno dei momenti più significativi sarà quello con Papa Francesco, che li riceverà il 17 marzo in Vaticano, in udienza presso la Sala Nervi. Sempre giovedì 17, Roma vedrà le sue vie invase pacificamente da migliaia di giovani che sfileranno nel centro cittadino, da San Pietro al Campidoglio ai Fori Imperiali, fino ad entrare nel Colosseo, ognuno con la propria bandiera a rappresentare anche visivamente la volontà di essere uniti e collaborare per un futuro di pace, nel luogo simbolo della Città Eterna, nell’anno del Giubileo. Nel corso della cerimonia conclusiva, che si terrà il 18 presso l’Auditorium della Conciliazione, verranno premiati gli studenti più meritevoli alla presenza del ministro per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi, del ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Maria-Elena-Boschi[1]Diversa da ogni altra simulazione delle Nazioni Unite, Harvard WorldMun unisce all’alta qualità della discussione e del dibattito a molti eventi culturali e sociali: l’esperienza dei delegati è totalizzante e permette ai partecipanti e alla città di sperimentare cooperazione, amicizia e comprensione della diversità delle culture.

Tra gli eventi che si terranno in questa venticinquesima edizione il Global Village, una grande festa di cibo, bevende, musica e tradizioni con i delegati delle diverse parti del mondo (una piccola Expo di studenti universitari che si terrà al Palazzo dei Congressi il 14 marzo); il Cabaret, dove ogni delegazione rappresenta i propri costumi e le proprie danze; il Committee Dinner presso il Mercato di Coldiretti e il party La Grande Bellezza presso il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo.

(MNT,  8 marzo  2016)

 

 

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts