Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Gentiloni in Myanmar: accordo di cooperazione culturale e Aung San Suu Kyi ringrazia Italia

YANGON, 6 APRILE – Un nuovo accordo di cooperazione tecnico-scientifica per la valorizzazione culturale e turistica di  Myanmar e’ stato firmato dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni, giugno oggi a Yangon per una visita ufficiale di due giorni nel Paese.

Gentiloni a Yangon

Gentiloni a Yangon

Il Ministro, primo membro di governo occidentale a visitare il Myanmar all’indomani dell’insediamento del nuovo esecutivo, ha incontrato i principali esponenti del neo-eletto governo a guida NLD, tra cui il Ministro degli Affari Esteri, Aung San Suu Kyi, il Presidente della Repubblica, U Htin Kyaw, e il Comandante in Capo delle Forze Armate birmane, Gen. Min Aung Hlaing.

La visita – sottolinea una nota della Farnesina – rappresenta un forte segnale politico di sostegno dell’Italia al primo governo democraticamente eletto del Paese negli ultimi cinquant’anni e, allo stesso tempo, un gesto di particolare amicizia della nuova leadership birmana che accoglie oggi il Ministro Gentiloni.

“Ringrazio il Ministro italiano per la sua visita a soli sei giorni dal mio insediamento. Gentiloni rappresenta l’Italia perché è stato eletto democraticamente in libere elezioni e quindi nessuno più di lui può apprezzare il valore del processo democratico in corso in Birmania” ha detto Aung San Suu Kyi. “L’Italia – ha sottolineato Gentiloni – ha creduto nel processo democratico che sotto la guida di Aung San Suu Kyi ha portato a libere elezioni e appoggerà ogni sforzo del nuovo governo finalizzato al conseguimento della pace e dell’unità del Paese”.

Foto di gruppo

Foto di gruppo

Il ministro ha tenuto quindi a sottolineare che la sua presenza oggi conferma l’impegno italiano a sostenere lo sviluppo del Paese, a promuovere un’attiva presenza delle nostre imprese e dei nostri operatori economici, rafforzando ulteriormente le già ottime relazioni bilaterali.

“Sono grata all’Italia per il suo sostegno e la disponibilità a collaborare per lo sviluppo del mio Paese. È importante – ha aggiunto il Ministro birmano – che questo impegno si traduca in progetti sostenibili con il pieno coinvolgimento della società birmana”.

Il Ministro Gentiloni ha poi incontrato il Presidente della Repubblica U Htin Kyaw che ha  chiesto la collaborazione dell’Italia per il rilancio del turismo, per il recupero e la valorizzazione dell’importante patrimonio culturale locale e per la produzione di energia rinnovabile di elevato valore tecnologico .

Bagan

Bagan

Il contributo italiano al patrimonio culturale del Myanmar ha avuto inizio nel 2011 e ammontava l’anno scorso a 1,4 milioni di dollari. I progetti finora realizzati, attuati dall’Unesco, hanno consentito al Ministero della Cultura di preservare importanti siti del proprio patrimonio culturale (le Antiche Città di Pyu, inserite nelle liste UNESCO nel 2014, e l’area archeologica di Bagan). Queste operazioni sono state rese possibili anche grazie all’expertise di due note organizzazioni di base in Italia, quali l’ICCROM e la Fondazione Lerici. Il nuovo accordo fornisce un quadro per lo sviluppo di relazioni tra i sistemi d’istruzione superiore dei due Paesi in campo scientifico, tecnologico, letterario, culturale e artistico, dello sport e dello spettacolo e dell’informazione.

La visita di Gentiloni avviene in un momento storico per il Myanmar. L’insediamento del Governo guidato dalla National League for Democracy, rappresenta infatti una tappa fondamentale del processo di transizione democratica del Paese. E avviene in un momento in cui si aprono molte possibilità per le imprese italiane.

Dopo 50 anni di isolamento internazionale, il Myanmar è ritenuto oggi un Paese dalle grandi opportunità di sviluppo economico. L’interscambio commerciale con l’Italia è in aumento, e si registra un crescente interesse delle nostre aziende, testimoniato dalla partecipazione di oltre 100 imprese alla fiera “Italian Products Expo 2015” di Yangon nell’ottobre 2015, organizzata con il contributo di Ambasciata e ICE.

Le principali opportunità di cooperazione si riscontrano nei settori agro-alimentare e dei macchinari per l’agroindustria; minerario; del turismo; dell’energia; delle infrastrutture e delle costruzioni; degli idrocarburi. Il Myanmar è un Paese prioritario per la Cooperazione italiana. Dal 2011, il valore degli interventi ammonta ad oltre 35 milioni di euro. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts