Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Il mondo scrive a Trump: Avaaz lancia lettera aperta contro odio e intolleranza

Donald Trump Donald Trump

ROMA, 8 APRILE – Il mondo ‘scrive’ a Donald Trump. In una iniziativa senza precedenti lanciata da Avaaz, l’organizzazione non governativa internazionale che si occupa di diritti umani, politica, ambiente ha chiesto di firmare una lettera aperta al candidato repubblicano alla Casa Bianca che, se saranno raggiunti i due milioni di firme, sarà pubblicata a pagina intera sui giornali internazionali.Avaaz
La premessa dei curatori della petizione è che ”è ora di dire basta” all’ ”imprenditore e miliardario, seminatore di odio e secondo alcuni esperti minaccia alla sicurezza globale”.
La lettera, che secondo il sito ha raggiunto già un milione di firme nelle prima 24 ore, brevemente recita:
”Caro sig. Trump,
Quello che sta facendo non ha nulla di ‘grande’. Noi, da tutto il mondo, rifiutiamo la paura, l’odio, l’intolleranza e il fanatismo delle sue parole.
Rifiutiamo il suo sostegno alla tortura, i suoi appelli all’assassinio di civili, il suo continuo richiamo generico alla violenza.
Rifiutiamo le offese a donne, musulmani, messicani, in pratica a tutti i miliardi di persone che non sono come lei, non parlano come lei, non pregano come lei.

Di fronte alle sue paure, noi scegliamo l’ascolto. Lei fa perdere la speranza nel mondo, noi la coltiviamo. Vedendo la sua ignoranza scegliamo la voglia di capire.

Come cittadini di tutto il mondo, noi siamo uniti contro la sua propaganda di odio e divisione.
Cordialmente”.
Avaaz osserva che Trump non è certo l’unico politico che cerca di sfruttare la sfiducia e le paure dei cittadini per spargere odio. Ma è l’unico che lo fa con l’aiuto di tutti i media globali, che gli stanno regalando l’equivalente in pubblicità di 2 miliardi di dollari.

 

Donald Trump

Donald Trump

Ricordando che Trump chiama i ‘messicani’ stupratori, e le donne ‘bambole’ o ‘grasse maiale’, dice che vuole chiudere le moschee, schedare i musulmani, deportare in massa i figli degli immigrati “illegali”, Avaaz spiega: ”Ora  possiamo sfruttare l’adorazione di giornali e TV per qualsiasi cosa riguardi Trump per spingerli invece a raccontare di un enorme rifiuto in tutto il mondo delle sue idee di odio. Ma deve essere una cosa davvero grossa, milioni di persone… appena la cosa comincerà a crescere convinceremo politici e personaggi famosi di ogni parte del mondo a unirsi a noi. Contro i suoi tentativi di dividerci, diventiamo un’unica, potentissima voce’” conclude Avaaz.
(@novellatop , 8 aprile 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts