Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Dopo Ban Ki-moon: candidati in passerella davanti a Assemblea Generale

due candidati, Kerim e Luksic, parlano italiano

NEW YORK, 10 APRILE – Per la prima volta nei 70 anni della storia dell’Onu il prossimo segretario generale non sara’ scelto totalmente dietro le quinte. La corsa per sostituire Ban Ki-moon, il cui mandato scade a dicembre, prendera’ il via il 12 aprile con una “tre giorni” in cui i candidati finora scesi in campo – quattro uomini e quattro donne, con due che parlano italiano – si presenteranno  agli ambasciatori dei 193 stati membri e poi alla stampa.

In seguito alle insistenze di piccoli stati che di solito non hanno voce in capitolo , il presidente dell’Assemblea Generale Mogens Lykketoft, ex ministro degli esteri danese, ha convocato l’inedita passerella. In gara sono cinque veterani dell’Onu come l’ex premier neozelandese Helen Clark (UNDP dal 2009 e un nuovo profilo Twitter @Helen4SG) e l’ex premier portoghese Antonio Guterres (fino a dicembre per dieci anni Alto Commissario per i Rifugiati) e la bulgara Irina Bokova, che dirige l’UNESCO dopo esser stata brevemente ministro degli esteri del suo paese. In corsa anche Danilo Turk, ex assistente segretario generale ed ex presidente della Slovenia dal 2007 al 2012, e Srgjan Kerim ex ministro degli esteri ed ex ambasciatore all’ONU della Macedonia.

Gli altri candidati sono Vesna Pusic, ministro degli esteri della Crozia, Natalia Gherman, ex capo della diplomazia della Moldavia e il ministro degli esteri montenegrino Igor Luksic. Tutti i candidati sono fluenti in molte lingue. Kerim e Luksic parlano anche l’italiano.

Ogni candidato verra;’ intervistato per due ore dalla membership e dovra’ presentare una piattaforma di circa 2.000 parole. La maggior parte dei leader in lizza viene dall’Est Europa perche’ la regione, che non ha mai espresso un capo dell’ONU, viene considerata in pole position nella tradizionale turnazione regionale. Il Consiglio di Sicurezza a cui spetta l’ultima parola, con i cinque membri permanenti che hanno diritto di veto, e’ inoltre sotto pressione per scegliere una donna: sarebbe una prima volta nella storia dell’ONU. I quindici cominceranno a intervistare i candidati in luglio e ne sceglieranno uno verso la fine dell’anno. All’Assemblea Generale spetterà poi il compito formale della ratifica. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts