Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Droga: mille leader scrivono all’ONU, stop a “disastrosa guerra”

Bonino, Pannella, Veronesi, Saviano e don Ciotti tra firmatari

NEW YORK, 16 APRILE – Oltre mille tra leader globali, celebrita’, economisti e attivisti hanno firmato un appello all’ONU per fermare la “disastrosa” guerra contro la droga. Tra i firmatari anche gli italiani Emma Bonino e l’ex ministro della salute Umberto Veronesi. La lettera e’ stata resa pubblica a pochi giorni dalla sessione speciale dell’Assemblea Generale che da martedì’ fara’ il punto su due decenni di campagne del Palazzo di Vetro per contrastare il traffico e il consumo di stupefacenti.

“Nel 21esimo secolo l’umanita’ non si puo’ permettere una politica della droga cosi’ inefficace e controproducente come quella del secolo scorso”, si legge nella lettera organizzata dalla Drug Policy Alliance (DPA). Tra i firmatari anche il candidato alla nomination democratica Bernie Sanders, i suoi colleghi in Senato Elizabeth Warren e Cory Booker, gli ex presidenti di Messico Colombia, Brasile, Cile, Nigeria, Capo Verde, Svizzera e Polonia che chiedono al Segretario Generale Ban Ki-moon di aprire la strada a una vera riforma delle politiche contro la droga basata su “scienza, compassione, salute e diritti umani”.

La sessione speciale dell’Assemblea e’ in programma dal 19 al 21 aprile. Per l’Italia partecipa il ministro della Giustizia Andrea Orlando. Tra gli italiani che hanno firmato l’appello ci sono anche Marco Pannella, Roberto Saviano e  don Luigi Ciotti. Tante celebrita’, da Sting a Peter Gabriel, Jane Fonda, l’attore ambasciatore di pace dell’ONU Michael Douglas e lo stilista Alexander Wang, i miliardari George Soros e Warren Buffett, secondo cui “il regime di controllo delle droghe emerso nel corso del secolo scorso, focalizzato sulla criminalizzazione e la punizione, ha creato un enorme mercato illegale che ha arricchito le organizzazioni criminali, i governi corrotti, innescato la violenza esplosiva, distorto mercati economici e minato valori morali fondamentali”. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts