Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Cooperazione: Frigenti e Ciarlo a Washington per gli Spring Meetings di Fmi e Bm

Gli Spring meetings

WASHINGTON, 19 APRILE – Il direttore dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo (Aics), Laura Frigenti, e il responsabile Rapporti istituzionali e comunicazione di Aics, Emilio Ciarlo, hanno partecipato agli annuali Spring Meetings (riunioni di primavera) del Fondo monetario internazionale (Fmi) e della Banca Mondiale, tenutisi a Washington la scorsa settimana. Gli spring-meetings

Aics ha presentato il sistema della Cooperazione italiana alla Banca Mondiale e alle principali istituzioni finanziarie internazionali e regionali con le quali si sono tenuti alcuni  incontri bilaterali  presso la sede della Banca Mondiale. Gli Spring Meetings riuniscono governatori delle banche centrali, ministri delle Finanze, responsabili di alto livello del settore privato ed accademici provenienti da diversi Paesi e costituiscono un’opportunità per discutere di questioni internazionali, delle prospettive dell’economia mondiale, dell’eliminazione della povertà e delle questioni legate allo sviluppo economico e ai meccanismi di aiuto.

All’agenzia Dire Frigenti ha parlato di un suo vecchio progetto: le assicurazioni per la diversificazione degli strumenti di aiuto finanziario nelle emergenze. ”E’ un progetto al quale stavo lavorando già da prima di arrivare all’Agenzia  perché la crisi finanziaria generata dalle emergenze è tremenda e si continua ad operare con degli strumenti che andavano bene negli anni 80. Voglio continuare a presentare questo argomento nei vari dibattiti internazionali e spero di poter utilizzare la piattaforma del World humanitarian forum per poter discutere di questo”. La neo-direttrice ha infatti spiegato, nel corso della sua presentazione, che le assicurazioni possono rappresentare una risposta innovativa alle emergenze umanitarie che si ripetono ciclicamente. Un esempio sono le siccità nel corno d’Africa.

Laura Frigenti

Laura Frigenti

Due le aree prioritarie dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo: l’Africa e il Medio Oriente ma l’attenzione rimarrà puntata anche sui Balcani, America Latina, i Caraibi e l’Asia. Tra le priorità lo sviluppo dell’Africa. Dobbiamo trovare delle soluzioni a questa crisi migratoria che si sta ponendo come priorità importante per tutta l’Europa e per il nostro paese in prima linea. Sicuramente, all’interno di questo fronte, dobbiamo trovare delle forme di sviluppo per cui i paesi che sono maggiormente esposti a tali flussi migratori non debbano soffrire, ma possano considerare quello che sta accadendo come un’opportunità di sviluppo per loro stessi e per i loro settori privati e di business”. ”La nostra grande ambizione – ha aggiunto – è riportare l’Italia al centro del dibattito delle idee. Pensiamo che ci siano nel nostro paese esperienze importanti di cui noi ci sentiamo il veicolo. Le banche internazionali sono i luoghi dove le idee circolano, vengono discusse e a loro viene data risonanza. Sono dei partner fondamentali per noi”.

(@novellatop,  19 aprile 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

1 Comment on Cooperazione: Frigenti e Ciarlo a Washington per gli Spring Meetings di Fmi e Bm

  1. Gian Pietro Testolin // 26/04/2016 at 4:54 am //

    Si credo sia la direzione giusta per il cambiamento … il rinnovamento meglio dire, piu’ pragmaticamente. Anche se i macigni che Dire Figenti deve spostare richiedono la forza di tutti e sopratutto del governo.

Comments are closed.