Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

A Londra Arco Palmira: replica in 3D grazie anche a Made in Italy

L'arco di Palmira a Londra

LONDRA, 20 APRILE – Un omaggio della capitale britannica a Palmira, la città siriana patrimonio dell’Unesco, conosciuta come la ‘perla del deserto’ per il suo valore storico e archeologico, sfregiata nei mesi scorsi dall’Isis e liberata solo alcuni giorni fa, sorge da oero  a Trafalgar Square grazie anche al Made in Italy.  Una replica del monumentale Arco di Trionfo di Palmira, innalzato due millenni orsono dai romani e distrutto ora dai jihadisti, è stata eretta nel cuore di Londra:  si tratta di un modello in scala realizzato con marmo egiziano e completato grazie al contributo dei ricercatori dell’Institute of Digital Archaeology (Ida) di Oxford con l’uso di tecnologia 3D per il disegno del progetto, basato su fotografie dell’arco originale.  L’azienda toscana Tor Art con l’ausilio della stampante 3-D italiana D-Shape, ha riprodoto  l’arco del Tempio di Bel, eretto sotto l’imperatore Settimio Severo.

L’arco rimarra’ esposto per tre giorni nella piu’ famosa piazza londinese, di fronte alla National Gallery, poi sara’ trasferito a New York, Dubai e in varie citta’ . L’obiettivo finale è portarlo nella stessa Palmira. “Palmira è patrimonio comune dell’umanità”, ha ringraziato Maamoun Abdulkarim, direttore della Sovrintendenza alle antichita’ archeologiche in Siria, giunto per l’occasione a Londra.

Arco di Palmira

Palmira com’era

La replica dell’arco, e’ due terzi in grandezza di quello originale distrutto nel 2015 dalla furia degli estremisti. Nel progetto di riportare l’arco a Palmira, non appena la situazione sara’ tornata alla normalita’, in modo da poterlo piazzare vicino ai resti dell’originale, sono coinvolti il Museo del Futuro di Dubai, il governo degli Emirati Arabi e l’Unesco, oltre ai protagonisti italiani della riproduzione sono “D-Shape”, ‘marchio’ specializzato in stampe 3D con sabbia dolomitica guidato da Enrico Dini, e l’azienda apuana di robotica, Tor Art.

Parlando con la Bbc, il responsabile dei beni archeologici in Siria, Maamoun Abdulkarim, ha detto: “Questo e’ un messaggio che vuole creare consapevolezza nel mondo. Noi tutti abbiamo un’eredita’ comune. La nostra eredita’ e’ universale, non si tratta solo delle gente siriana”. Palmira e’ stata riconquistata alla fine di marzo di quest’anno, dopo essere stata nelle mani dei terroristi per oltre dieci mesi. Il costo totale dell’opera ha superato le 100mila sterline, circa 130mila euro al cambio attuale. L’arco di Bel e’ inserito in una speciale iniziativa del programma The Million Image Database.

Si tratta di un progetto di documentazione fotografica intrapreso dall’Institute for Digital Archaeology (IDA), con il patrocinio Unesco, finalizzato a produrre milioni di immagini di siti a rischio in tutto il Medio Oriente e il Nord Africa.

(@novellatop, 20 aprile  2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts