Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Clima: Galletti all’Onu, “orgoglio Italia per green economy e rinnovabili”

Il Ministro Galletti con i rappresentanti del Marocco

NEW YORK, 21 APRILE – “Siamo orgogliosi dell’Italia, leader in green economy e rinnovabili”. A New York con il premier Matteo Renzi per la cerimonia della firma dell’accordo di Parigi sul clima, c’e’ il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, impegnato oggi in una raffica di bilaterali, dal Marocco a St. Lucia, da Vanuatu alle Maldive .

Con il Marocco, Paese che si prepara a ospitare a fine anno la Cop22, Galletti ha siglato un memorandum di intesa con il ministro dell’ambiente Hakima El Haite. “L’Italia – ha detto Galletti – prosegue la sua attivitá di sostegno ai Paesi nord-africani nella transizione verso uno sviluppo economico sostenibile e inclusivo, contribuendo all’avvio dei necessari processi di decarbonizzazione dell’economia”. L’accordo prevede una cooperazione bilaterale su processi di governance, gestione integrata delle zone costiere, prevenzione e controllo dell’inquinamento marino da idrocarburi, promozione del trasferimento tecnologico e produzione industriale verde, educazione ambientale per lo sviluppo sostenibile, gestione integrata dei rifiuti solidi, rafforzamento delle misure e degli strumenti economici per promuovere lo sviluppo ambientale.

Galletti con i rappresentanti di St. Lucia

Galletti con i rappresentanti di St. Lucia

Quella di domani sarà una cerimonia senza precedenti, con 165 rappresentanti di Paesi tra cui una sessantina di capi di stato o di governo – un numero record dal 1982, quando 119 Stati siglarono la Convenzione sul mare. Tutti i leader metteranno la propria firma come impegno ufficiale al raggiungimento dell’obiettivo di restare “ben al di sotto dei 2 gradi” di aumento della temperatura rispetto ai livelli pre-industriali, e se possibile contenerlo entro 1,5 gradi. Solo così, secondo gli scienziati, si potranno evitare conseguenze catastrofiche. Per frenare il global warming, la strada è ridurre fino ad azzerare entro la seconda metà del secolo le emissioni di gas a effetto serra mettendo un freno ai combustibili fossili e dando slancio alle rinnovabili.

Dopo il sigillo messo domani al Palazzo di Vetro, ciascun Paese dovrà poi ratificare l’accordo a livello nazionale. Alcuni paesi SIDS come le Fiji, le Maldive e Palau, in prima linea nell’emergenza climatica, lo hanno già fatto e anche in Italia ci dovrà essere il via libera del Parlamento. La cerimonia della firma sarà trasmessa in diretta dal palazzo dell’Onu con un collegamento con il ministro Galletti. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts