Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Unesco: dalla Casa Bianca alle Samoa una giornata mondiale in onore del Jazz

Unesco Jazz

ROMA, 29 APRILE – Dalla Casa Bianca a Parigi, da Berlino alla Sardegna, dall’Argentina all’Algeria, a Shanghai, allo Zimbabwe,  alle remote Tasmania e Samoa: il mondo intero celebra domani la Giornata internazionale del Jazz proclamata dall’Unesco.

Unesco Jazz

Il manifesto del concerto

Nel 2011 l’organizzazione dell’Onu per la Cultura decise di dedicare a questo genere musicale una giornata internazionale, riconoscendone il significativo ruolo di collegamento tra genti e culture e in alcuni casi di strumento della diplomazia mondiale.

Quest’anno l’annuncio dell’apertura ufficiale delle manifestazioni è stato dato dalla direttrice generale dell’Unesco Irina Bokova e dall’ambasciatore di buona volontà per il Jazz Herbie Hancock.

Negli Stati Uniti, patria del genere musicale, sono previste decine di incontri e spettacoli, ma il culmine sarà il mega concerto ospitato alla casa Bianca dal presidente Barak Obama e dalla moglie Michelle con artisti di fama mondiale come Joey Alexander, Terence Blanchard, Kris Bowers, Dee Dee Bridgewater, Till Brönner, Terri Lyne Carrington, Chick Corea, Jamie Cullum, Kurt Elling, Aretha Franklin, Robert Glasper, Buddy Guy, Herbie Hancock, Zakir Hussain, Al Jarreau, Diana Krall, Lionel Loueke, Hugh Masekela, Christian McBride, John McLaughlin, Pat Metheny, Marcus Miller, James Morrison, Danilo Pérez, Rebirth Brass Band, Dianne Reeves, Lee Ritenour, David Sánchez, Wayne Shorter, Esperanza Spalding, Sting, Trombone Shorty, Chucho Valdés, Bobby Watson, Ben Williams.

Unesco JazzPer l’Unesco il Jazz è un’espressione di creatività e diversità, rottura delle barriere, simbolo di unità e pace, veicolo di integrazione, tolleranza e solidarietà, propugnatore di uguaglianza di genere e di scambio sociale e tra gruppi ed etnie, stimolatore di dialogo interculturale e crescita dei giovani e delle società.  La sfida dell’arte, è il pensiero dell’Unesco, va lanciata.

(@novellatop, 29 aprile 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts