Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

El Nino: Italia aiuta UNICEF in piccoli Stati isola del Pacifico

ROMA, 10 MAGGIO – L’Italia e’ scesa in campo a sostegno delle popolazioni del Pacifico colpite da El Nino. UNICEF ha annunciato di aver ricevuto un impegno pari a mezzo milione di euro per far fronte alle conseguenze del fenomeno climatico sui bambini, le donne incinte  e quelle che ancora allattano nei piccoli stati isola in via di sviluppo (PSIDS) sulla linea del fronte del cambiamento climatico.

Malnutrizione, pandemie, diminuzione dei raccolti, migrazioni forzate: sono alcuni degli effetti catastrofici del forte riscaldamento delle acque nel Pacifico centrale e nell’Oceano Indiano che ogni 5-7 anni mette in ginocchio diversi Paesi dell’area. Con l’Africa, il Pacifico e’ tra le regioni del mondo più colpite. Dopo mesi di siccità le Isole Marshall e Palau hanno dichiarato lo stato di emergenza. Una carenza prolungata delle piogge ha conseguenze negative sui raccolti e indirettamente sulla salute, l’igiene e l’alimentazione dell’infanzia. Contemporanamente in aprile gravi condizioni meteo tra cui depressioni tropicali e cicloni hanno portato piogge torrenziali e forti venti in parti delle Isole Cook, Fiji, Samoa, Salomone, Tonga e Vanuatu. El Nino dovrebbe esser seguito da La Nina nella seconda meta’ dell’anno con la prospettiva di un aggravamento degli effetti nei paesi già colpiti.

Il contributo italiano all’UNICEF si aggiunge a quanto annunciato recentemente dal Ministero degli Esteri che, per fronteggiare l’emergenza El Nino, ha disposto un piano da 10 milioni di dollari di cui faranno uso i cinque Paesi più colpiti del continente africano.

I progetti finanziati dalla Farnesina in Africa saranno concentrati sulla sicurezza alimentare e la ripresa delle attività agro-pastorali in Etiopia, Mozambico, Malawi, Swaziland e Zimbabwe e saranno chiusi in 12 mesi. Sei milioni di euro sono destinati alle ong italiane sul terreno, 4 milioni al canale Onu, che si aggiungono al milione stanziato in gennaio per il Pam (Programma Alimentare Mondiale). (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts