Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: Favor, sola al mondo, approdata a Lampedusa. Un’immagine che risarcisce Aylan

Lampedusa

(di Maria Novella Topi) – LAMPEDUSA, 26 MAGGIO – Questa volta, l’immagine di un piccolo tra le braccia di un adulto ‘salvatore’ si imprime e fa commuovere positivamente;  non è disperante come quella, che tutto il mondo conosce, di  Aylan Kurdi, tre anni,  morto da solo sull’orlo del mare di Turchia.

Migrazioni

La morte di Aylan Kurdi

Questa volta la foto simbolo è piena di speranza nonostante il dramma che nasconde: una bambina nigeriana di nove mesi, rimasta sola dopo aver perso la madre durante una terribile traversata dalla Libia, è approdata a Lampedusa, sola ma sana e salva. La piccola, che ora tutti vogliono adottare, sta con il suo camicino azzurro  e gli occhi rotondi in braccio a Pietro Bartolo, il medico responsabile del servizio di pronto soccorso dell’isola, diventato uno dei protagonisti del docufilm ‘Fuocoammare’, di Gianfranco Rosi, Orso d’Oro a Berlino.
La bambina si chiama Favor e la sua mamma, incinta, è morta – secondo il racconto di altri migranti – per le esalazioni della combustione del carburante del barcone sul quale si trovava con la sua piccola. Favor  è rimasta sola al mondo e presto il suo caso sarà esaminato dal Tribunale per i minorenni di Palermo che potrebbe dichiararla adottabile e affidarla a una casa-famiglia siciliana.
”Se potessi vorrei adottarla io”, ha detto Bartolo, raccontando a Repubblica:  “Chiamano da tutta Italia, il telefono del nostro ambulatorio già da ieri squilla in continuazione, sono famiglie che vorrebbero adottarla, che supplicano di potere crescere quella bambina” . Bartolo, che ha prestato le prime cure alla bimba, aggiunge: ”Anch’io ci ho fatto un pensiero, se potessi l’ adotterei, ma non sarà possibile perché ci vogliono dei particolari requisiti per poterlo fare, ed io ormai ho 60 anni e non credo che me l’affiderebbero”.

Migrazioni

La vittoria di ‘Fuocammare’

Bartolo, che ha tre figli ed è sposato con un medico, vive stabilmente a Lampedusa, e anche questa mattina è andato a controllare se la bambina avesse trascorso la notte tranquilla.

Il premier Renzi, che partecipa ai lavori del G7, ha detto che sarebbe necessario portare sul tavolo dei grandi del mondo le foto dei bambini profughi che proprio in queste ore vengono allontanati dal campo di Idomeni,  al confine tra Grecia e Macedonia, per far comprendere le dimensioni del dramma dell’immigrazione anche a chi per ragioni geografiche ne è distante. A quelle immagini potrebbe aggiungere anche quella di Favor, salva in braccio ad un medico italiano un po’ speciale.

La storia di Favor è appena cominciata e in molti si augurano che scacci le immagini del suo ‘fratello’ più sfortunato Aylan, che la fotografa che l’ha immortalato descriveva così:
”Aylan Kurdi giaceva senza vita a faccia in giù, tra la schiuma delle onde, nella sua t-shirt rossa e nei suoi pantaloncini blu scuro, piegati all’altezza della vita. L’unica cosa che potevo fare era fare in modo che il suo grido fosse sentito da tutti”.

(@novellatop, 26 maggio 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts