Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

UNESCO e UNEP: Venezia come Palau e Galapagos, in “immediato pericolo” per cambiamento clima

a rischio anche Statua Liberta, Stonehenge e Galapagos

PARIGI, 26 MAGGIO – Venezia come Palau e le Galapagos. La citta’ sulla Laguna e’ in “immediato pericolo”, tra innalzamento delle acque ed erosione dei litorali provocate dal cambiamento del clima, getta l’allarme un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato giovedì. Il dossier di 108 pagine dell’Unesco, dall’UNEP, l’agenzia Onu per l’ambiente, e dell’Union of Concerned Scientists, elenca 31 siti del patrimonio mondiale a rischio in quasi 30 paesi, tra questi oltre alla citta’ sulla Laguna, la Statua della Liberta’ a New York e Stonehenge.

Rock Islands Southern Lagoon in Palau

Rock Islands Southern Lagoon in Palau

A rischio anche le montagne dorate di Altai in Russia e alcune delle famose statue dell’isola di Pasqua, la citta’ di Cartagena, l’ecosistema marino
della Nuova Caledonia e la laguna meridionale delle Rock Islands nel piccolo stato isola di Palau (385 specie di corallo diverso e diversi tipi di habitat). A Venezia, un aumento delle acque dell’Adriatico ha già danneggiato “centinaia di edifici” arrivando ormai al di là delle basi in pietra pensate dagli architetti dei secoli passati per proteggere i mattoni che costituiscono le pareti degli edifici mentre le infiltrazioni nocive di acqua salata stanno progressivamente danneggiando anche opere artistiche celebri, i mosaici pavimentali della basilica di San Marco, le cui piccole tessere colorate sono intaccate dalla salinità, o il cenotafio di Antonio Canova nella chiesa di Santa Maria dei Frari, le cui statue “sono ormai più spesso bagnate che asciutte” e presentano “squamature e piccoli rigonfiamenti” a causa dell’umidità che si accumula nel marmo.

E non c’e’ solo Venezia. Nel 2012, ad esempio, la Statua della Libertà è stato danneggiata dal super-uragano Sandy. Gli scienziati hanno sottolineato che c’è una “urgente e chiara” necessità di agire per ridurre le emissioni di gas per mantenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto di 2 gradi, un impegno che è stato fatto lo scorso dicembre da 195 paesi in una grande vertice sul clima a Parigi.  (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts