Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migranti: nuovo naufragio, oltre 4000 salvati oggi in Canale Sicilia

Renzi a Ise-Shima: il G7 appoggia il Migration Compact

ROMA, 26 MAGGIO – Un nuovo naufragio, ma oltre 4.000 migranti sono stati salvati oggi al largo della Libia. La centrale operativa della Guardia Costiera ha coordinato 22 interventi di soccorso, che si sono tutti conclusi. Complessivamente sono stati recuperati dai mezzi della Guardia Costiera, della Marina Militare, di Frontex e Eunavformed, e da rimorchiatori e mercantili dirottati in zona circa 4.100 persone che si aggiungano alle oltre seimila tratte in salvo nei primi tre giorni della settimana.

Si e’ appreso intanto che nel naufragio di ieri un centinaio di migranti potrebbero essere dispersi e forse annegati. I naufraghi hanno raccontano ai
mediatori culturali che sul peschereccio si erano imbarcati in 650. Ma sulla nave Bettica che li ha soccorso sono salite circa 540 persone: tra queste una bimba di nove mesi che ha perso  la mamma nella nuova sciagura del mare.  E’ stato intanto trasferito a Palermo in stato di ipotermia un altro bimbo di cinque anni che ha perso i genitori in un naufragio di oggi davanti alle coste libiche che avrebbe provocato una ventina di morti. Un centinaio i sopravvissuti.

Intanto, come aveva promesso il premier Matteo Renzi sulla via del Giappone, l’emergenza migranti e’ approdata al tavolo del G-7 di Ise-Shima. ‘La strada è il Migration Compact, i leader lo appoggiano”, ha detto Renzi  parlando del piano presentato dall’Italia a Bruxelles che punta sull’Africa, al sostegno ai Paesi di origine di migliaia di disperati che ogni giorno sfidano la morte su barconi fatiscenti con un ripetersi infinito di tragedie.

“Senza un piano come il Migration Compact non vinceremo mai: l’Italia lo ha scritto, l’Ue l’ha incoraggiato e il G7 lo ha appoggiato, ha condiviso il percorso”, ha fatto sapere Renzi. Rivendicando il ruolo di un Paese, l’Italia, che grazie alla
riconquistata credibilità è tornata a contare sui tavoli internazionali. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts