Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Lampedusa: apre Museo della Fiducia, pensando al piccolo Aylan

(di Alessandra Baldini)

LAMPEDUSA, 3 GIUGNO – Un amorino addormentato che ricorda il piccolo Aylan, ma anche il documento di identità di un giovane pakistano, Muhammed Imram, e  bigliettini scritti con numeri di telefono, cellulari avvolti nel cellophane, anellini, foto di famiglie, orologi, passaporti e pure una boccetta di profumo di una ragazza marocchina. Oggetti appartenuti ad alcuni dei 52 migranti che ad agosto morirono soffocati nella stiva di un barcone sono esposti da oggi nel Museo della Fiducia e del Dialogo nel Mediterraneo di Lampedusa, accanto all’Eros Dormiente di Caravaggio degli Uffizi e a pezzi provenienti dal Museo del Bardo di Tunisi.

Mattarella a Lampedusa

Mattarella a Lampedusa

“L’Italia e l’Europa sono debitori di riconoscenza a Lampedusa per le vite salvate, per l’assistenza, per la prima ospitalità date ai migranti”, ha detto il capo dello Stato, Sergio Mattarella, arrivato per il taglio del nastro nell’isola considerata “la porta dell’Europa” e, come ha detto Mattarella, “la base per un ponte tra i continenti”.

 L’isola “ha offerto a chi è arrivato, e la sente come seconda patria, il volto migliore dell’Europa”, ha osservato il capo dello Stato. E poi: “Per affrontare un fenomeno come quello delle migrazioni serve l’impegno di tutti. L’Italia e Lampedusa non possono essere lasciate sole”.
A donare  al comitato 3 Ottobre, tra i promotori del progetto, gli oggetti degli annegati e’ stata la Direzione distrettuale antimafia di Palermo guidata dal procuratore Francesco Lo Voi. Simbolici anche altri gli pezzi dell’allestimento: “Abbiamo deciso di portare a Lampedusa, oltre a una maschera del VI secolo a.C., opere di arte moderna che rappresentano la visione artistica del cambiamento e della rivoluzione in corso in Tunisia”, ha detto il direttore del Bardo Moncef Ben Moussa, mentre dagli Uffizi e’ arrivato l’Eros di Caravaggio che il pittore dipinse mentre era rifugiato a Malta.
Aylan Kurdi

Aylan Kurdi

“L’Amore che dorme – ha detto il direttore del museo fiorentino Eike Schmidt – ricorda i tanti bambini partiti sui barconi che non ce l’hanno fatta”. Bambini come il piccolo Aylan Kurdi, affogato nel mare di Bodrum in Turchia. Oggi, tra i 117 cadaveri recuperati da giovedì’ sulle coste della Libia occidentale, cinque erano di bambini. “Quanti sono i bambini morti nel Mediterraneo? Quanti gli uomini e le donne che non ce l’hanno fatta? Conosciamo solo una parte dei destini di chi ha affrontato il mare, di molti non sappiamo le sorti”, ha detto Mattarella indicando il quadro di Caravaggio: “Ci ricorda Aylan”. Anche lui, sulla spiaggia turca, sembrava addormentato come un amorino. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

1 Comment on Lampedusa: apre Museo della Fiducia, pensando al piccolo Aylan

  1. Rimuovete la foto del bimbo morto, é pornoinformazione.
    Grazie

Comments are closed.