Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: Scola; l’Onu ha fallito, l’Europa è smarrita. Italia sia leader

migrazioni ANGELO SCOLA

MILANO, 3 giugno – Non fa sconti il cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano, che in un’intervista a La Repubblica, di fronte all’intensificarsi di sbarchi i migranti,  chiede con urgenza di ”preparare un piano straordinario di accoglienza diffusa nelle parrocchie per l’estate, mettendo a disposizione anche oratori, palestre e strutture scolastiche per ospitare chi arriva”. Perché, afferma, “l’Onu ha fallito e l’Europa è smarrita”.

”Serve quindi – aggiunge – un nuovo ordine mondiale e l’Italia ha il compito di fare un progetto guida per il continente in tema di immigrazione, assumendosi la responsabilità della leadership dell’area mediterranea”. Scola sostiene che “la situazione attuale è anche conseguenza dell’insuccesso delle politiche europee; penso alla Germania, all’Austria e paesi limitrofi. Con la chiusura della via balcanica, rendono per noi il problema pesante, ma non lo mutano nella sostanza. La concentrazione degli sbarchi e le tante morti tragiche, soprattutto di bambini, dicono che è inaccettabile ogni politica di resistenza o di chiusura. Però eviterei di parlare di invasione o di emergenza”. Pochi sanno, spiega, che l’Italia accoglie un numero di profughi infinitamente inferiore rispetto a Iran, Giordania, Libano, Turchia.

L’arcivescovo invita anche a ”non perdere d’occhio la necessità imprescindibile di individuare – nel dibattito culturale così come nelle grandi relazioni internazionali – le chiavi per una soluzione non di emergenza, ma strutturale”. E spiega: ”C’è un grande lavoro educativo da fare. Ma nella società civile si è già molto più avanti di quel che si crede. La strada è segnata, ed è quella di accompagnare e governare il processo di “meticciamento” fra le culture. Un’accoglienza equilibrata, che punti, all’integrazione come cittadini di chi vuole stabilirsi sul nostro continente, è l’unica via per battere la paura”.

(@novellatop, 3 giugno 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts