Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migranti: Renzi, “Non è invasione, ma il problema c’è”. Gere a Roma tra i profughi di Sant’Egidio

L’appello di tredici Ong alle istituzioni locali e nazionali: “Garantire dignità ai rifugiati in insediamenti spontanei”.

(Di Anna Serafini)

ROMA, 9 Giugno – Migrazione: “Non è invasione, ma il problema rimane”. Lo ha scritto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, ricevendo con favore il piano Ue per l’Africa che va “nella direzione indicata dall’Italia” nel Migration Compact. Tredici ong hanno chiesto oggi alle istituzioni competenti a livello nazionale e locale di assicurare ai migranti e rifugiati in Italia che vivono in stazioni o campi di fortuna l’assistenza necessaria. Pure stamattina la stella hollywoodiana Richard Gere ha fatto visita al quartier generale di Sant’Egidio a Roma, dove ha incontrato i profughi arrivati in Italia con il progetto dei corridoi umanitari e presentato il film “Gli invisibili” sui senzatetto. Nelle sale dal 15 giugno, sarà proiettato in anteprima nella giornata di apertura del Taormina Film Festival (11-18 giugno). La rassegna organizzata da Agnus Dei di Tiziana Rocca farà da quadro anche alla firma del protocollo d’intesa tra il ministero del Lavoro e delle politiche sociali e la Fiopsd per il lancio della campagna di sensibilizzazione #HomelessZero.

“Il fatto che la Commissione Europea abbia approvato ieri un primo progetto per l’Africa, esplicitamente ripreso dalle proposte italiane, è un passo in avanti sul tema dell’immigrazione. Un passo in avanti, non la soluzione”, ha scritto ieri sulla sua pagina Facebook il premier italiano Matteo Renzi, a seguito della presentazione del piano Ue di cooperazione con l’Africa: 8 miliardi di euro da qui al 2020 in cambio della regolamentazione dei flussi migratori.

“A molti piace drammatizzare la situazione, ma i numeri sono chiari: non c’è nessuna invasione nel nostro Paese. Del resto l’8 giugno dello scorso anno eravamo a quota 51.000 sbarchi e oggi stiamo a quota 48.000. Ma il problema esiste”, ha continuato Renzi per il quale “cooperazione internazionale, investimenti europei, finanziamenti innovativi: questo serve all’Africa, accanto a una gigantesca scommessa sull’educazione”. E se il messaggio lanciato dall’Europa e dalla comunità internazionale è “un piccolo passo avanti”, per il presidente del Consiglio “c’è bisogno di un maggiore impegno se vogliamo salvare l’Africa dall’emigrazione e l’Europa dalla paura”.

minori_migrantiTredici Ong – Amref, Asgi, Cefa Onlus, Cies, Concord Italia, Focsiv, Intersos, LasciateCIEntrare, Medici per i diritti umani, Medici Senza Frontiere Italia, Oxfam Italia, Save the Children Italia e Sonia for a just new world – hanno inviato oggi un appello “alle istituzioni competenti, nazionali e locali, di mettere in campo tutte le misure necessarie ad assicurare condizioni di vita dignitose e pieno accesso ai diritti umani fondamentali, tra cui il diritto alla salute, a tutti i migranti forzati presenti nel nostro Paese, bambini, donne e uomini, anche a coloro che si trovano al di fuori del sistema di accoglienza governativo, qualunque sia il loro status giuridico”. Questo alla luce del fatto che in Italia ci sono almeno 10mila rifugiati e richiedenti asilo che vivono in condizioni critiche in “insediamenti informali”, come stazioni ferroviarie, palazzi occupati e campi spontanei.

Ne sa qualcosa anche Richard Gere che per mesi si è calato nella realtà di 60mila clochard newyorkesi per la realizzazione del film “Gli invisibili” di Oren Moverman. La stella hollywoodiana oggi ha fatto visita alla Comunità di Sant’Egidio a Roma, dove ha incontrato i migranti e rifugiati ospiti nell’Onu di Trastevere. Ha ascoltato le loro odissee e visitato la scuola di italiano dei profughi arrivati con il progetto dei corridoi umanitari:  “Tutti cerchiamo una comunità che ci faccia sentire a casa e capire che valiamo. Voi con Sant’Egidio l’avete trovata”, ha commentato l’attore. “Si capisce subito che qui si sta bene, in famiglia. E’ travolgente vedere queste belle facce di fratelli e sorelle. Una cosa che mi scalda il cuore. Solo le persone curano le persone. Non i soldi e la politica, ma solo le persone che comunicano tra di loro. Sono onorato di essere qui”.

Richard Gere, "Gli invisibili"

Richard Gere, “Gli invisibili”

Poi, ancora, la conferenza stampa di presentazione del film, proiettato per gli ospiti di Sant’Egidio. “Gli invisibili” uscirà nelle sale italiane il 15 giugno per Lucky Red, con un’anteprima al Taormina Film Festival l’11 giugno. 300 senzatetto provenienti da tutta la Sicilia parteciperanno alla proiezione.

La data inaugurale della 62° edizione della rassegna cinematografica prodotta e organizzata anche quest’anno dall’Agnus Dei di Tiziana Rocca riunirà a Taormina il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti e la Fiopsd (Federazione italiana organismi per le persone senza dimora) che firmeranno il protocollo d’intesa della campagna di sensibilizzazione #Homelesszero. Nella stessa serata, Richard Gere, presidente onorario del Festival, verrà insignito del “Taormina Humanitarian Award”, il premio istituito nel 2012 per sottolineare l’importanza delle attività nel sociale promosse da celebrità.

amb usa “Con questo film Richard Gere accende i riflettori su un dramma spesso dimenticato che porta sul grande schermo la tragedia umana dei senzatetto“, ha dichiarato l’Ambasciatore USA in Italia John Phillips, in occasione della prima proiezione del film a Villa Taverna l’8 giugno. “Sono orgoglioso di questo film: Affronta uno dei problemi più gravi dei nostri giorni”, ha sintetizzato Gere. (@annaaserafini)

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts