Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Italia e Olanda dividono seggio Consiglio, soluzione all’insegna dell’unita’ dell’Europa

(di Alessandra Baldini)

(ANSA) – NEW YORK, 28 GIU – All’insegna dell’unita’ dell’Europa e dopo cinque fumate nere, Italia e Olanda si sono messe d’accordo per dividere un seggio 2017/2018 in Consiglio di Sicurezza. Comincera’ l’Italia, nell’anno in cui riveste anche la presidenza del G7, mentre l’Olanda raccoglierà il testimone il primo gennaio dell’anno successivo.

Mentre la Svezia e’ passata al primo turno per l’altro seggio assegnato quest’anno all’Europa Occidentale, l’accordo politico tra i due paesi membri fondatori della UE e’ stato raggiunto al termine di una giornata al cardiopalma dopo cinque fumate nere. Ad annunciarlo sono stati gli stessi ministri degli esteri olandese e italiano Bert Koenders e Paolo Gentiloni, dopo essersi riuniti nell’ufficio del presidente dell’Assemblea Generale Mogens Lykketoft e dopo che l’ultima votazione aveva registrato un esatto pareggio – 95 a 95 – accolto da un applauso quasi da stadio: l’Italia era rimontata di un voto.

“Con questa proposta vogliamo inviare un messaggio di unita’ tra due Nazioni europee, e abbiamo preso spunto da questa parità perfetta, 95 a 95, nell’ultimo voto”, ha detto il titolare della Farnesina. Gentiloni si e’ presentato con il collega olandese allo stake out dei giornalisti: “L’Assemblea Generale ha inviato un chiaro segnale, ossia che approva allo stesso modo Italia e Olanda”, ha detto Koenders.

Una nuova riunione e’ in programma mercoledì alle 10 locali (le 16 a Roma) per formalizzare la proposta di Italia e Olanda. Il seggio in Consiglio di Sicurezza diviso tra due paesi e’ un evento rarissimo: e’ successo la prima volta nel 1955 con Yugoslavia e Filippine e pochissime altre volte. Gentiloni , enunciando le priorita’ per l’Italia – Africa, migrazioni e cambiamenti climatico – ha tenuto a sottolineare che l’accordo con l’Olanda all’Onu va in controtendenza con il clima politico europeo dopo il referendum britannico sull’uscita dall’Europa: “In venti minuti abbiamo trovato una soluzione. In un momento in cui la Ue e’ sgretolata, questo va in controtendenza a tali divisioni”.

Il ministro ha parlato di una “dimostrazione di flessibilita'” da parte dei due protagonisti:  “Abbiamo deciso di chiudere in pareggio senza andare ai rigori”, ha sottolineato: “Ovviamente l’Italia avrebbe preferito una netta prevalenza, ma al quorum mancavano parecchi voti ad entrambi”. Alla fine tutte le delegazioni hanno celebrato nella Delegates Dining Room: brindisi e scambio di congratulazioni, mentre le delegazioni olandese e italiana si sono scambiate le spillette con le bandiere al bavero della giacca come fanno i giocatori di calcio dopo le partite delle nazionali.

Gli altri membri eletti per il biennio 2017-2018 sono la Bolivia, passata con 183 voti per l’America Latina e Caraibi, l’Etiopia con 185 per l’Africa, e il Kazakhstan, eletto con 138 voti per l’area Asia-Pacifico.  (@alebal)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts