Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Libia: Sant’Egidio, aiuti umanitari arrivano nella regione del Fezzan

UBARI (LIBIA), 4 LUGLIO – Il primo container di medicinali, frutto dell‘accordo umanitario siglato a Sant’Egidio il 18 giugno scorso da politici e attivisti del Fezzan, rappresentanti le varie tribù della regione, per garantire aiuti umanitari e’ arrivato all’ospedale di Ubari nell’estremo sud-ovest della Libia,

libya-mapI medicinali sono stati inviati grazie alla collaborazione tra Comunità di Sant’Egidio, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e WFP di Brindisi. L’ospedale di Ubari garantisce le cure a circa 100mila persone e, seppur danneggiato durante la guerra, è tornato ad essere punto di riferimento per tutta la provincia.

Sono previste ulteriori spedizioni per rifornire gli altri ospedali della regione che hanno urgente bisogno di medicinali e apparecchiature mediche, informa la comunita’ trasteverina sul suo sito web. L’accordo sull’invio degli aiuti e’ stato rimato il 18 giugno nella nella sede della piccola ONU di Trastevere: obiettivo era di consentire per la prima volta  la presenza della Cooperazione italiana, della Croce Rossa Internazionale e di alcune ONG nella regione del Fezzan, la zona di passaggio dell’immigrazione verso l’Europa.

aiuti_umanitari_ubari_2016_1Soddisfazione era stata espressa dal Sottosegretario agli Esteri Vincenzo Amendola. ”Si tratta dell’ennesimo tassello verso la stabilizzazione della Libia”, ha dichiarato Amendola, che aveva incontrato alla Farnesina una delegazione di politici oltre a esponenti della societá civile, delle tribú del sud e della Comunitá di Sant’Egidio.

Il Fezzan è la “cassaforte” della Libia, sia per le risorse petrolifere e sia per l’acqua e conta circa 400.000 abitanti su un territorio molto esteso. Nel Fezzan si concentrano popolazioni in fuga da Niger, Mali, Sudan. La possibilità della comunità internazionale di entrare nel Fezzan contribuirà a diminuire la libertà di movimento dei trafficanti di esseri umani. “L’Italia, ancora una volta, dimostra di essere un Paese di primo piano nel quadro della comunitá internazionale impegnata per la pacificazione e il consolidamento del governo di unitá nazionale di al-Sarraj. Grazie a Sant’Egidio che ha sponsorizzato i colloqui di questi giorni – aveva spiegato Amendola – si è dato un ulteriore sostegno alla popolazione libica verso la ripresa del sistema economico del Paese e la lotta al terrorismo”. (@OnuItalia)

.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts