Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

RomAfrica Festival, a Roma quattro giorni di cinema del continente

romafrica

ROMA, 6 LUGLIO – Ritorna a Roma per la sua seconda edizione il RomAfrica Film Festival,  rassegna del cinema africano ospitata alla Casa del Cinema di Villa Borghese dal 13 al 16 luglio. Il successo di critica, di stampa, ma soprattutto di pubblico, ha convinto gli organizzatori ad ingrandire la manifestazione, che quest’anno avrà la durata di 4 giorni, anche grazie al patrocinio dell’Iniziativa ‘Italia-Africa’ del Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, insieme a quelli del Ministero dei Beni Culturali, della Regione Lazio e di Assafrica e Mediterraneo.romafrica

Si tratta di undici lungometraggi, alcuni dei quali in anteprima assoluta a Roma: dal film epico/storico sull’arrivo dei colonizzatori alla storia d’amore, al dramma politico. Dieci cortometraggi, alcuni in italiano, altri in lingua originale con sottotitoli in italiano, per conoscere altrettanti grandi storie, con una menzione speciale ai due corti di animazione della Sudafricana Animation School. Undici documentari, infine, per porre l’attenzione su zone diverse di un continente così vasto e variegato e sulla crescente presenza africana in Italia. Ci sarà anche una intera giornata dedicata all’Eritrea, il più italiano dei paesi africani (e uno di quelli che vedono il maggior numero di profughi cercare di giungere in Europa) con una tavola rotonda sulle nuove opportunità economiche dell’Africa e lo spazio per dare voce alle seconde generazioni di afro-italiani.

La Casa del Cinema ha ampliato la capacità dello spazio esterno, così da consentire a un pubblico di centinaia di persone di assistere alle proiezioni serali, previste, a partire dalle 21, nel teatro all’aperto. Le proiezioni pomeridiane, invece, verranno tenute dalle 15 alle 20.30 circa nelle sale interne alla Casa del Cinema.

La rassegna, con la direzione artistica di Antonio Flamini, presenta film di recente produzione in anteprima o inediti in Italia, ed è realizzata con il sostegno delle Ambasciate dei Paesi africani, del Festival Panafricain du Cinéma et de la Télévision de Ouagadougou-Burkina Faso (Fespaco), del Luxor African Film Festival-Egitto (LAFF), con la presenza della Direttrice Azza Elhosseinydel, e dell’African Film Festival di New York. L’idea dell’evento parte da un’intuizione che ha trovato terreno fertile in un gruppo di soggetti per un motivo o per un altro legati all’Africa, con il comune denominatore nella passione per il cinema.

Il cinema, infatti, è lo strumento ideale per mostrare, al di là dei luoghi comuni, la varietà e la vivacità culturale di questo continente sotto questo aspetto ancora poco conosciuto in Italia. Il cinema è lo specchio attraverso il quale si vuole cogliere l’Africa nel cambiamento: un continente dinamico, sotto pressioni complesse ma in continua evoluzione, con enormi potenzialità pronte ad arricchire la nostra cultura.

(@novellatop,  6 luglio 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts