Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Vertice Unesco a Istanbul: Bokova, patrimonio sotto attacco, è crimine di guerra

Unesco

ISTANBUL,  13 LUGLIO –  Continuano a Istanbul, in Turchia, i lavori della 40/a sessione del Comitato del patrimonio Mondiale dell’Unesco, che si chiuderanno il 20. La riunione ha fra gli obiettivi quello di valutare le 27 proposte di siti interessati a entrare sotto la tutela dell’organizzaizone della Nazioni Unite per la cultura.

Unesco

Irina Bokova

”Il patrimonio mondiale –  ha detto la direttrice generale dell’Unesco Irina Bokova – è sotto attacco ovunque, dal Mali alla Siria. Si tratta di un crimine di guerra a cui dobbiamo rispondere con forza”. La tutela dei beni storici minacciati dai conflitti, è infatti  uno dei molti punti in agenda nei giorni del vertice.

Fra le nuove proposte, che si aggiungo alle già numerose 1031 nei 169 stati che ne fanno parte, c’è da segnalare un’attenzione particolare all’architettura contemporanea con siti firmati da Frank Lloyd Wright per la sua produzione statunitense, Oscar Niemeyer per il complesso di Pampulha con un Le Courbusier in salsa tropicale e lo stesso architetto svizzero per il suo immenso contributo al movimento moderno. Di questi 27 siti proposti, 9 sono luoghi naturali, 14 quelli culturali e 4 invece quelli che uniscono le due categorie.

istanbulL’Unesco ha scelto la città scossa dagli attacchi sanguinosi dei terroristi per dare un segnale chiaro: la cultura è uno dei mezzi per battere il terrore, e la comunità internazionale deve dare una risposta chiara in questo senso preservando il suo patrimonio. “Il patrimonio mondiale incarna una idea rivoluzionaria molto umanista – ha detto Bokova – l’idea che le persone di diverse culture possano confrontarsi, possano unirsi attorno a dei valori universali eccezionali; quando un sito del patrimonio mondiale viene distrutto noi soffriamo tutti, tutti perdiamo qualcosa”.
“Noi apparteniamo tutti alla stessa famiglia – ha continuato – ed è precisamente questa idea che gli estremisti violenti cercano di distruggere perché conoscono il potere della cultura per tenere unite le persone”.
Il vertice dell’Unesco durerà 10 giorni, durante i quali saranno aggiunti nuovi siti alla lista del patrimonio mondiale dell’umanità.
In occasione dell’incontro di Istanbul, l’organizzazione internazionale Europa Nostra ha inviato una lettera all’Unesco esprimendo preoccupazione circa la situazione dei siti storici e culturali nel sud-est della Turchia, a rischio di distruzione a seguito del conflitto in corso dalla scorsa estate tra esercito e Pkk curdo. Tra questi c’è il centro storico di Diyarbakir, Sur, già nella lista Unesco del Patrimonio dell’umanità.

(@novellatop,  13 luglio  2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts