Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: accordo per hotspot, saranno aperti ai giornalisti

hotspot (ANSA/AP Photo/Darko Bandic)

ROMA, 19 LUGLIO – Un importante passo in avanti è stato fatto in direzione della trasparenza e del controllo della gestione degli hotspot, i primi centri di gestione dei flussi migratori eccezionali pensati  per dare sostegno agli Stati membri in prima linea nell’affrontare le fortissime pressioni migratorie alle frontiere esterne dell’UE: i giornalisti potranno infatti entrare negli hotspot per visitarli.

La decisione è stata presa nell’incontro tra il prefetto Morcone, la Federazione Nazionale Stampa Italiana Fnsi e l’Associazione Carta di Roma. Fino a ora, gli hotspot erano sempre stati chiusi agli organi di informazione: ”Le richieste di visita sono state sempre respinte con la motivazione ‘delle esigenze organizzative per lo svolgimento delle attività’, ha ricordato l’Associazione.

hotspot

Una vignetta di ‘Cronache…’

‘Cronache di ordinario razzismo’ ricorda che è successo, ad esempio, nella mobilitazione nazionale lanciata il 20 giugno scorso da LasciateCIEntrare, durante la quale è stato negato l’accesso agli hotspot di Taranto, Pozzallo e Lampedusa.
D’ora in poi, invece, stando all’accordo a cui si è arrivati, delegazioni di giornalisti potranno visitare gli hotspot, almeno con cadenza mensile, a condizione di dare un preavviso di dodici ore. I membri delle delegazioni saranno individuati dalla Fnsi e da Carta di Roma, con l’obiettivo di esercitare una effettiva attività di controllo e di garantire la possibilità di visitare gli hotspot al maggior numero di giornalisti, anche della stampa estera.
Come sottolineato dal presidente dell’Associazione Carta di Roma, Giovanni Maria Bellu ”non si tratta di un’apertura piena”. In effetti, la necessità di dover dare un preavviso di dodici ore limita, in parte, la possibilità di controllare effettivamente le situazioni presenti all’interno delle strutture, preposte all’identificazione dei migranti (Qui Hotspot Factory, video prodotto da Vurria Produzioni sul ruolo e le contraddizioni del sistema Hotspot). Ma rispetto alla totale chiusura che regnava fino ad ora, rappresenta comunque una breccia importante.

”La delicata questione dei migranti, specie in un momento di grande tensione internazionale, va affrontata fornendo all’opinione pubblica tutti gli elementi utili a formare un giudizio consapevole”, ha affermato Paolo Butturini, che ha presieduto l’incontro per la Fnsi, sottolineando che ”la tutela del diritto dei cittadini a una corretta informazione si deve coniugare con il massimo di libertà e trasparenza”.

(@novellatop,  19 luglio  2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts