Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: firmati accordi con ILO e UNIDO programma SINCE per affrontare cause alla radice

ADDIS ABEBA, 28 LUGLIO – Nel corso di un evento ospitato dall’Ambasciata d’Italia ad Addis Abeba, l’Ambasciatore Giuseppe Mistretta ha firmato i primi due accordi con ILO (Organizzazione internazionale del lavoro) e UNIDO (Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale) relativi al Programma SINCE, dedicato alla creazione di opportunità lavorative ed economiche per migranti, potenziali migranti, rifugiati e “returnees” e, in particolare per donne e giovani.

Il Programma SINCE –l’acronimo inglese significa“Arginare la migrazione irregolare in Etiopia settentrionale e centrale” – è finanziato tramite il Fondo fiduciario europeo d’emergenza per l’Africa, lanciato il 12 novembre 2015 durante il Summit della Valletta e dedicato alla migrazione che ha visto capi di Stato e di governo europei ed africani uniti in uno sforzo congiunto per rafforzare la cooperazione, affrontando le sfide  dei fenomeni migratori e valorizzandone le opportunità. L’accordo di delega all’Italia del SINCE è stato firmato a Bruxelles il 18 dicembre 2015 dal Commissario europeo per la Cooperazione internazionale, Neven Mimica, e dal Direttore generale della Cooperazione italiana allo sviluppo, Giampaolo Cantini.

Nel corso dei suoi 48 mesi di durata, SINCE investirà 20 milioni di euro con l’obiettivo di contribuire alla riduzione della migrazione irregolare in Etiopia tramite il miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni più vulnerabili, tra le quali migranti, potenziali migranti, rifugiati e “returnees”, con una particolare attenzione alla creazione di opportunità lavorative per giovani e donne. L’iniziativa rafforza il rapporto di cooperazione tra l’Unione europea, l’Italia e l’Etiopia nell’ambito delle politiche migratorie. Con una popolazione di circa 100 milioni di abitanti e oltre 740 mila rifugiati, l’Etiopia ospita il più alto numero di rifugiati dell’intero continente africano. Numeri così elevati sono legati alla posizione strategica dell’Etiopia, che è al contempo paese di origine e transito di migranti diretti verso le  principali destinazioni europee ma anche nel Golfo, in Medio Oriente e Sud Africa.

“Con la firma di questi accordi  con Ilo e Unido, l’Italia riafferma il proprio impegno nel sostenere il governo etiope nella sua azione per affrontare le cause profonde della migrazione, sia bilateralmente sia con l’Unione europea”, ha detto l’Ambasciatore Mistretta. L’Ambasciatrice dell’Unione europea, Chantal Hebberecht, ha affermato di essere “molto soddisfatta che il Programma stia procedendo positivamente e rappresenti un impegno concreto nella creazione di opportunità di lavoro sostenibili e nel miglioramento delle condizioni di vita delle donne e dei giovani in Etiopia. SINCE contribuisce cosi al raggiungimento dell’obiettivo del Fondo fiduciario europeo d’emergenza per l’Africa: promuovere opportunità economiche, uguaglianza, sicurezza e sviluppo”.

Ginevra Letizia, titolare della sede estera di Addis Abeba dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo (Aics) che sta fornendo il proprio supporto tecnico all’Ambasciata d’Italia per la realizzazione del programma, ha affermato che “questa firma si fonda sul nostro eccellente partenariato con Ilo e Unido che produrranno lo studio socio-economico per l’identificazione delle ‘catene del valore’ più significative, in modo da migliorare e ampliare l’offerta di impiego sostenibile sia per le donne che per i giovani – area identificata dal Governo etiopico come obiettivo strategico per lo sviluppo del paese”. Il Programma SINCE sarà realizzato nelle aree urbane delle regioni Amhara, Tigrai, Oromia, nella Regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud, e nella città di Addis Abeba – aree identificate per l’alto tasso di migrazione.

Secondo il rappresentante di UNIDO Jean B. Bakole, “lo sviluppo mirato dell’ agroindustria va di pari passo con la creazione di posti di lavoro e promuove nuove strategie di sviluppo. Ciò costituisce uno dei parametri chiave nella creazione di opportunità economiche ed educative, per una governance migliore e per affrontare le cause della migrazione irregolare. La promozione di uno sviluppo industriale sostenibile ed inclusivo, e la creazione di una strategia per la creazione di impiego, sono prioritarie per il continente africano, l’Etiopia e Unido. Sarà così possibile assicurare una crescita economica sostenibile e condivisa, nonché mitigare i flussi migratori”. “ILO fornirà assistenza tecnica e sostegno al governo etiope e ai partner coinvolti nella realizzazione di questo progetto, in particolare nel rafforzamento delle strutture di governance del mercato del lavoro che contribuiranno al successo di questo progetto”, ha spiegato Kidist Chala dell’organizzazione per il lavoro. “Apprezziamo il sostegno finanziario dell’Unione europea e della Cooperazione italiana in questo progetto ed in altri interventi simili dell’Ilo in Etiopia e nel mondo”. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts