Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Raid Usa su Sirte: si maggioranza Camera a uso basi; Pinotti, lotta Isis centrale sicurezza

ROMA, 4 AGOSTO – Si alle basi a sostegno dei raid Usa contro l’ISIS in Libia se servira’ a rendere più efficace e far concludere prima l’operazione in corso. La maggioranza alla Camera ha approvato 225 voti a favore e 82 contrari una mozione di appoggio alla linea del governo che ritiene “legittima”, nel quadro di una risoluzione Onu, una risposta positiva alla richiesta di aiuto delle autorità libiche nella lotta all’Isis anche mettendo a disposizione le basi sul territorio nazionale.

Precisando che finora l’azione Usa non ha interessato il territorio italiano, ieri era stata il Ministro della Difesa Roberta Pinotti, in risposta all’interrogazione presentata dall’onorevole Moscatt sul coinvolgimento attuale e futuro del nostro Paese nelle azioni aeree, a illustrare la posizione dell’esecutivo.

“Il Governo è pronto a considerare positivamente un eventuale utilizzo delle basi e degli spazi aerei nazionali a supporto dell’operazione, dovesse tale evenienza essere ritenuta funzionale ad una più efficace e rapida conclusione dell’azione in corso”, perche’ “ritiene che il successo della lotta tesa alla eliminazione delle centrali terroristiche dell’ISIS in Libia sia di fondamentale importanza per la sicurezza non solo di quel Paese, ma anche dell’Europa e dell’Italia”.

L’Italia è fin dall’inizio convintamente parte della lotta anti-ISIS e con altrettanta determinazione sostiene come fondamentale il coinvolgimento diretto e attivo delle popolazioni e dei Governi locali nella lotta al terrorismo cui dare, su specifica richiesta, il necessario supporto, ha detto il Ministro. “Tale richiesta di supporto emerge chiaramente dalle parole del Presidente Serraj – ha ricordato il Ministro Pinotti – che nell’affermare l’adesione della Libia alla Coalizione anti-ISIS dichiara che ‘tutte le Nazioni non devono lasciare i giovani libici combattere da soli questo nemico e al posto loro’, reiterando inoltre il suo ‘apprezzamento e considerazione per tutte le Nazioni che daranno supporto alla Libia in questa impresa’”.

Per tali ragioni, il Governo mantiene aperta una linea di dialogo diretta e assidua sia con la controparte libica sia con gli alleati americani, per verificare lo sviluppo della operazione e le eventuali esigenze di supporto indiretto.

“L’attività condotta dalle forze statunitensi si sviluppa in piena coerenza con la Risoluzione delle Nazioni Unite n°2259 del 2015 – ha infine ricordato il Ministro – e in esito a una specifica richiesta di supporto formulata dal legittimo Governo Libico per il contrasto all’ISIS nell’area di Sirte”.

Concludendo la Pinotti ha sottolineato come “l’azione americana sarà limitata nel tempo e nell’area di operazioni, non prevede l’utilizzo di forze a terra ed è circoscritta a consentire alle forze libiche di sconfiggere con successo le forze terroristiche nella zona di Sirte”.

Intanto i raid Usa continuano contro le obiezioni della Russia e del parlamento di Tobruk che tuttora non ha concesso la fiducia al premier al Serraj. Oggi il tema e’ di nuovo all’odg del parlamento  nelle Commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato senza i ministri. Sulla concessione di Sigonella il M5s ha alzato la voce: “Un errore grave, una follia”. Sinistra Italiana ha chiesto al governo un passaggio in aula e un voto formale. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts