Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Libia: Gentiloni, Italia riaprira’ ambasciata, Perrone nuovo ambasciatore

Il ministro precisa: ''Non abbiamo missioni militari in Libia''

Libia Gentiloni e Serraj

ROMA, 11 AGOSTO – ”Presto l’Italia potrebbe riaprire la sua ambasciata a Tripoli, chiusa nel febbraio 2015. Il nostro governo ha nominato ambasciatore Giuseppe Perrone” : lo ha detto al Corriere della Sera il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, parlando della situazione in Libia.

080422027-235cce69-aa57-4096-b1d3-141186d89474

”Spero che la riapertura dell’ambasciata, appena verificate le condizioni di sicurezza – ha aggiunto il titolare della Farnesina –  sia il sigillo a un grande sforzo di cooperazione. Il nostro impegno non deve stupire: contribuire a stabilizzare la Libia è una priorità nazionale, dalla sicurezza all’immigrazione”. Il nuovo ambasciatore, il ministro plenipotenziario Perrone ha 49 anni. E’ l’attuale direttore centrale per i Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente della Direzione generale per gli affari politici e di sicurezza della Farnesina.

Gentiloni ha spiegato che ”sul piano militare stiamo fornendo alle operazioni antiterrorismo un sostegno logistico. Se ci saranno richieste ulteriori attività di addestramento della guardia presidenziale e di sostegno alla guardia costiera le valuteremo. Serraj – ha aggiunto – ci ha fatto avere la lettera della quale avevamo parlato giorni fa, quando mi aveva chiesto una presenza della nostra Sanità militare”.

Infatti il primo ministro non solo ha chiesto all’Italia più rapidità nel concedere visti per i feriti libici da curare nel nostro paese, ma anche la fornitura di alcuni ospedali da campo per soccorrere quanti combattono Daesh in prima linea per curare sul posto i miliziani libici. Gentiloni ha ricordato che Serraj vorrebbe dall’Italia una protezione dei siti archeologici e che l’Italia deciderà il da farsi una volta esaminate tutte le opzioni in campo.  In ministro ha infine precisato: ”Non abbiamo missioni militari in Libia. Se le avremo saranno state autorizzate dal Parlamento”.

(@novellatop,  11 agosto  2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts