Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Emmylou Harris in tour per migranti, dedica concerti a Lampedusa

NEW YORK 31 AGOSTO – Emmylou Harris, la cantante e cantautrice folk americana vincitrice di 13 Grammy, ha in programma per il prossimo autunno una serie di concerti di beneficenza con l’obiettivo di puntare i riflettori sul dramma dei profughi. Celebre per le sue versioni di successi come “Together Again” e  “Sweet Dreams”, la Harris ha battezzato il tour Lampedusa, dall’isola del Canale di Sicilia “dove molti profughi dal Nordafrica sono approdati e nelle cui acque molti sono morti”, ha detto Emmylou all’organizzazione cattolica Jesuit Refugee Service che l’ha intervistata a Shire in Etiopia.

Il tour tocchera’ undici citta’. Con Emmylou, sul palco altri musicisti pluripremiati  come Patty Griffin, Buddy Miller, Steve Earle e altri ospiti speciali. Pilastri della musica americana che individualmente hanno prodotto album classicissimi del repertorio folk, country e pop, i quattro cantanti raramente appaiono assieme.

Lampedusa

Harris, che molti considerano la regina della musica Usa, e’ stata il motore dell’iniziativa. La cantante, che vive a Nashville, e’ da tempo impegnata in cause benefiche nella sua citta’, ma di recente la causa dei profughi alla ricerca di un futuro senza disperazione in Europa ha attirato la sua attenzione. Con il Jesuit Refugee Service, la Harris ha girato in giugno campi profughi in Etiopia ed e’ rimasta scossa. Ha scelto Lampedusa come nome per il tour pensando anche al primo viaggio di papa Francesco dopo il suo insediamento. “E in virtu’ di quel nome, bellissimo, che scivola sulla lingua, anche se evoca una tragedia così grande”.

I proventi dei concerti, che prenderanno il via a Boulder in Colorado il 6 ottobre per concludersi a Washington il 21 dello stesso mese, andranno tutti alla speciale Education Initiative del Jesuit Refugee Service: un progetto mirato a garantire opportunita’ di istruzione per i profughi che vivono nei campi o in ambienti urbani.  Il JRS spera di raddoppiare entro il 2020 il numero di ragazzi inclusi nei loro programmi: attualmente sono circa 120 mila. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts