Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Concerto in memoria Pavarotti rende omaggio impegno tenore per UNHCR

MODENA, 6 SETTEMBRE – L’impegno di Luciano Pavarotti per l’UNHCR ispira oggi l’annuale appuntamento a Modena in onore del leggendario tenore italiano.  A partire dalle 21 in Piazza Grande e’ in programma lo spettacolo gratuito diretto da Fabio Volo con le esibizioni del trio “Il Volo”, Nek, Elio in versione lirica, Danilo Rea al pianoforte con la soprano Silvia Colombini, Edoardo Bennato e il violinista siriano Alaa Arsheed.

Elio, baritono, affronta un quartetto d’opera. Edoardo Bennato, presenta due brani dell’ultimo album: “Italiani” e “Pronti a salpare”, che dà il titolo alla raccolta. Nek si cimenta con “Panis Angelicus” di César Franck, che Luciano Pavarotti cantò in un indimenticabile duetto con il padre Fernando. “Il Volo”, invece, interpreta canzoni della tradizione napoletana e il brindisi della Traviata con giovani soprano. Tutti sul palco nel cuore storico della città, patrimonio dell’umanità Unesco, accompagnati dall’Orchestra dell’Opera Italiana diretta dal maestro Aldo Sisillo, insieme con giovani promesse e talenti lirici: Vittoriana De Amicis, Laura Macrì, Ivan Ayron Rivas, Francesca Sartorato e Claudia Sasso.

L’evento si svolge grazie all’impegno congiunto di Fondazione Luciano Pavarotti e Comune di Modena col sostegno fondamentale di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, ed è realizzato in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale, grazie anche al sostegno di Gruppo Hera, Maserati, Caffè Cagliari e Gruppo Cremonini.

Quest’anno l’omaggio a Pavarotti, intitolato “Qui dove il mare luccica”, mette l’accento su uno degli aspetti con i quali l’artista coniugava l’amore per la vita e la solidarietà: la collaborazione con l’agenzia dell’ONU, ai cui progetti il Maestro dedicò diverse edizioni del concerto “Pavarotti & Friends”. Lo spettacolo, infatti, vuole sottolineare l’empatia e la solidarietà con cui il tenore ha sempre avuto a cuore il destino di tanti che nel mondo sono in condizioni di bisogno, specialmente i bambini.

Proprio per il costante impegno profuso, l’Alto Commissariato aveva insignito Pavarotti del riconoscimento più importante nell’ambito dell’agenzia Onu, ovvero la “Medaglia Nansen”. Il Maestro era stato colui che aveva raccolto fondi per la causa dei rifugiati più di ogni altro privato cittadino al mondo. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts