Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Accordo Usa-Russia su tregua in Siria. “Sostegno” da Italia e Onu

Renzi: "Salutiamo l'accordo". Gentiloni: "Apre la porta alla speranza di una svolta nella drammatica guerra"

Siria

GINEVRA/NEW YORK/ROMA, 10 SETTEMBRE – Sette giorni di “autentica riduzione dei combattimenti” in Siria, una “cessazione delle ostilità” a cui si darà il via a partire dal tramonto di lunedì. Un rafforzato accesso umanitario alle città sotto assedio, tra le quali Aleppo. La creazione di un Centro di attuazione condiviso (A joint implementation center), attraverso il quale gli Stati Uniti e la Russia condivideranno obiettivi militari e coordineranno i bombardamenti sui terroristi dello Stato islamico e di Al-Nusra, dopo che i ribelli saranno stati separati da questi gruppi col supporto americano e la Russia avrà frenato Assad. E’ l’accordo raggiunto venerdì da Washington e Mosca per una tregua, “un piano, che se attuato, se seguito, ha il potenziale di portare a un punto di svolta”, ha commentato il segretario di Stato Usa John Kerry, presentando l’intesa a Ginevra con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Obiettivo: stabilire le condizioni per la ripresa dei negoziati.

L’intesa sulla tregua in Siria – un Paese segnato da cinque anni di guerra civile e 500mila morti – è stata raggiunta dopo 13 ore di negoziazioni. “Abbiamo raggiunto un accordo sulle aree in cui avverranno i raid e, in queste aree, sulla base di un’intesa di neutralità condivisa dal governo siriano, saranno operative solo le forze aree russe ed americane”, ha aggiunto Lavrov. Resistenze erano state registrate da parte americana sulla condivisione degli obiettivi militari per timore che possano essere utilizzati da Mosca per avvicinarsi alla metodologia dell’intelligence Usa.

L’accordo tra Usa e Russia per la stabilizzazione della Siria è “una notizia particolarmente importante che salutiamo”, ha detto Renzi all’inaugurazione della Fiera del Levante, ricordando che si era in qualche modo “intravisto” al G20 nello scambio tra Obama e Putin.

“L’Italia sostiene lo sforzo diplomatico di John Kerry e Serghei Lavrov ed è impegnata perché si giunga a una effettiva cessazione generalizzata delle ostilità a partire dalla serata di lunedì”, ha detto il capo della Farnesina Paolo Gentiloni, per il quale “l’accordo raggiunto stanotte a Ginevra apre la porta alla speranza di una svolta nella drammatica guerra in Siria”.

“Le Nazioni Unite si augurano che l’attuazione di questo accordo faciliti rinnovati sforzi per il raggiungimento di una soluzione politica del conflitto gestita e guidata dalla Siria”, ha detto l’inviato delle Nazioni Unite in Siria, Staffan de Mistura, ricordando che nei prossimi giorni farà tappa a New York per confrontarsi con Ban Ki-moon in vista della riunione ministeriale sulla Siria del 21 settembre e di una possibile data per la ripresa dei colloqui intra-siriani. (@annaaserafini)

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts