Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Libia: da Italia ospedale con protezione militare

NICOSIA, 12 SETTEMBRE – L’Italia invierà a Misurata un contingente di 100 medici, con la protezione di circa 200 parà, per curare i soldati libici.Il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha confermato le indiscrezioni apparse oggi sulla stampa. Finora l’Italia ha “curato i feriti libici nei nostri ospedali o inviando medicine”, ma adesso l’intervento “lo faremo lì”, ha detto la Pinotti. “La battaglia che hanno fatto le forze di Misurata contro i terroristi di Daesh è stata molto impegnativa. Ora hanno bisogno che l’Italia dia loro una mano lì perché dobbiamo poter curare questi valorosi combattenti contro il terrorismo e contro l’Isis”.

Il ministro riferira’ domani in parlamento con il collega degli Esteri Paolo Gentiloni: “Come governo abbiamo accolto la richiesta del governo di Tripoli appoggiato dall’Onu di inviare un ospedale militare, che ovviamente avrá le sue protezioni”, ha detto il titolare della Farnesina rispondendo a Nicosia ad una domanda sulla Libia.

Quanto all’ipotesi di 200 pará, Gentiloni ha spiegato che si tratta “di un contributo tipico di quello che può fare l’Italia all’estero, ossia aiutare i consolidamenti dei processi di stabilizzazione anche con le proprie forze armate”, ed in Libia “abbiamo bisogno che la situazione si consolidi, per far fronte all’emergenza terrorismo e per gestire meglio quella migratoria”.

Misurata e’ la citta’ libica che fornisce il maggior numero di miliziani che combattono l’Isis a Sirte. Nei giorni scorsi l’Italia ha inviato un C-130 dell’Aeronautica Militare con una nuova spedizione di farmaci e di supporti sanitari destinati all’ospedale della città ed a quelli limitrofi di Harawa e Beni Walid, le strutture sanitarie maggiormente sotto pressione a seguito del conflitto in corso. E’ stata la quarta spedizione di farmaci realizzata in Libia dalla Cooperazione Italiana allo Sviluppo negli ultimi mesi – consistente in oltre 5 tonnellate di medicine e supporti medici – con l’obiettivo di garantire le cure di base a circa 10.000 persone per 3 mesi e cure specifiche a 100 feriti di guerra.

Dall’inizio dell’offensiva a Sirte in maggio i feriti tra le forze fedeli al governo sono stati più di duemila e 500 i morti sul campo. (@OnuItalia)

 

The following two tabs change content below.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts