Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Alfano al Gei: “Le migrazioni, sfida cruciale per la democrazia”

Angelino Alfano (a destra) riceve il Gei award da Lucio Caputo

NEW YORK, 20 Settembre 2016 – Dopo aver partecipato al Palazzo di vetro al primo vertice dell’Onu su rifugiati e migranti, dove ha insistito sulla necessità di un “approccio globale” al problema, il ministro degli interni Angelino Alfano ha spiegato martedì 20 settembre, in un incontro con la business community italiana a New York, come le massicce migrazioni in atto in ogni angolo del mondo, e in particolare nell’area mediterranea, rappresentino “una sfida cruciale per la democrazia”. “E’ infatti un fenomeno che potrebbe cambiare i partiti in Europa, distruggendone alcuni, creandone di nuovi e dando impulso al populismo”, ha ricordato il ministro, che è anche leader del Nuovo centrodestra.

Arrivato a New York assieme alla folta delegazione italiana presente per la 71ma Assemblea generale dell’Onu, Alfano, 45 anni, era ospite martedì 20 settembre del Gei (Gruppo esponenti italiani) presieduto da Lucio Caputo. Preceduto da un ricordo di Carlo Azeglio Ciampi, il presidente emerito appena scomparso, l’incontro si è svolto al ristorante Le Cirque di Manhattan, di fronte a rappresentanti del mondo economico e finanziario della città, oltre che di personalità italiane e americane.

Dopo le parole di presentazione di Caputo, che ne ha ricordato la figura politica, e dopo aver ricevuto il premio “Gei friendship award”, il ministro ha illustrato l’impegno italiano sul tema delle migrazioni. E proprio come responsabile dei problemi della sicurezza interna dell’Italia, ha voluto anche commentare i fatti terroristici che hanno colpito Manhattan per la prima volta in 15 anni, cioè dagli attacchi dell’11 settembre 2001.

“New York è la capitale mondiale della libertà e proprio per questo è nel mirino del terrorismo”, ha detto Alfano, congratulandosi con le autorità newyorkesi, a cominciare dal capo dei vigili del fuoco, Daniel Nigro, presente alla colazione del Gei, per l’efficienza con cui hanno risposto agli ultimi episodi. Ha voluto anche rassicurare i presenti sui sistemi di prevenzione anti-terrorismo in atto in Italia che, facendo tesoro dell’esperienza acquisita nella lotta alla mafia, alla camorra, alle Brigate rosse e ad altre forme di criminalità organizzata, hanno permesso fino ad oggi di evitare le stragi che ci sono state in altri paesi europei.

 

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts