Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: da vertice Obama fondi e permessi per profughi

Renzi, +30% budget umanitario, iniziativa per UNHCR

NEW YORK, 20 SETTEMBRE – 4,5 miliardi di dollari in più nel 2016 rispetto al 2015 e 360 mila profughi accolti quest’anno, il doppio rispetto all’anno scorso con gli Usa che si impegnano ad aprire le porte ad altri 110 mila. Contributi finanziari aggiuntivi alle agenzie come UNHCR e OIM che si occupano dell’assistenza. Vasto impegno del settore privato che agisce da moltiplicatore. Questi alcuni risultati concreti del Leaders’ Summit convocato all’Onu dal presidente Barack Obama. Sul podio, dopo il capo della Casa Bianca, si sono alternati capi di stato e di governo e ministri di una cinquantina di paesi tra quelli che si sono impegnati a fare di più di fronte a una crisi di “epiche proporzioni”, per l’Italia il premier Matteo Renzi che ha annunciato un aumento del 30% del budget umanitario.

La foto di famiglia del vertice

La foto di famiglia del vertice

“I profughi non sono un pericolo, sono vittime e sono una forza”, ha detto Obama prima di cedere il microfono ai leader di Giordania, Libano, Turchia e Etiopia, tra le nazioni più sulla linea del fronte dell’emergenza. “Daremo diecimila ettari di terra ai profughi facilitando i permessi di residenza. Un posto di lavoro e’ una questione chiave”, ha detto il primo ministro etiope Hailemariam Desaleg, il cui paese ne ospita 750 mila. Per il presidente turco Erdogan “occorre consentire ai profughi di vivere nelle nostre citta’ e lavorare. Questo significa permessi di soggiorno e di lavoro e alla fine la cittadinanza”.

Yusra Mardini all'ONU

Yusra Mardini all’ONU

Gli Usa faranno la loro parte se non sbarrerà la strada una presidenza Donald Trump. Obama si e’ impegnato a accogliere nell’anno fiscale 2017 (che comincia il primo ottobre) 110 mila profughi (il 60% in più rispetto al 2016) e anche Germania e Canada continueranno nella politica di accoglienza. Renzi ha annunciato una “importante iniziativa con UNHCR” e particolare attenzione ai soggetti più vulnerabili, nello specifico donne e bambini. Testimonial dell’apertura tedesca e’ stata la nuotatrice olimpica siriana Yusra Mardini che ha partecipato ai giochi di Rio con la prima squadra di rifugiati della storia.

Anche il mondo dell’imprenditoria si e’ mobilitato per profughi e migranti. I Ceo di oltre 50 aziende americane, grandi e piccole, hanno messo in campo oltre 650
milioni di dollari per migliorare le condizioni di vita di 6,3 milioni di profughi in oltre 20 paesi, ha annunciato Obama durante un incontro con i responsabili dei gruppi industriali poco prima del vertice. Microsoft, TripAdvisor, HP, Google, AirBnb, WesternUnion, LinkedIn, MasterCard, Johnson & Johnson, Goldman Sachs sono tra i gruppi che hanno contribuito all’iniziativa. Sostegno e’
arrivato anche dalla Fondazione Soros che investira’ 500 milioni di dollari in aziende che mettono in piedi soluzioni a lungo termine per aiutare i profughi.
Obama ha detto che grazie a questi sforzi si creeranno opportunita’ di impiego per oltre 220 mila profughi. (@alebal)

.

 

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts