Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni/Onu: Grandi (Unhcr), grande possibilità di cambiare marcia

Onu

NEW YORK,  20 SETTEMBRE – L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha accolto con favore l’adozione della Dichiarazione di New York da parte di 193 governi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tenutasi a New York nel corso del primo vertice delle Nazioni Unite dedicato ai movimenti di rifugiati e migranti. Di fronte a numeri senza precedenti di persone in fuga, il vertice riunisce leader di governi e delle Nazioni Unite e rappresentanti della società civile per tutelare meglio i diritti dei rifugiati e dei migranti e condividere le responsabilità su scala globale.

Onu

Ban Ki-moon

”Oggi abbiamo una straordinaria possibilità per cambiare marcia” ha affermato Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, parlando alla cerimonia di apertura, aggiungendo che la Dichiarazione evidenzia un impegno politico senza precedenti per forza e risonanza.  ”Colma quella che è sempre stata una lacuna nel sistema di protezione dei rifugiati, quella di condividere veramente le responsabilità nei confronti dei rifugiati, nello spirito della Carta delle Nazioni Unite”, ha detto.
Con la Dichiarazione di New York si chiede ai paesi che ne hanno possibilità di incrementare il numero di quote di reinsediamento e ricongiugimento per i rifugiati. Si fa inoltre appello ai paesi più ricchi affinchè riconoscano la loro responsabilità nel fornire finanziamenti umanitari in maniera tempestiva ed affidabile e investano significativamente nelle comunità che ospitano il maggior numero di rifugiati. I paesi ospitanti sono chiamati ad aumentare le opportunità di lavoro per i rifugiati adulti e quelle di istruzione per i ragazzi. La Dichiarazione prevede anche l’impegno dei governi ad affrontare le cause profonde alla base dei numeri record di persone in fuga nel mondo. Con la Dichiarazione si incarica inoltre l’UNHCR di sviluppare una strategia comprensiva di risposta alla crisi dei rifugiati creando un modello per un sistema più forte che preveda meccanismi di finanziamento più affidabili e un impegno più tempestivo da parte degli attori dello sviluppo, con l’obiettivo di aiutare sia chi è costretto a lasciare le proprie case che le comunità d’accoglienza.

Onu

Filippo Grandi

Grandi si è impegnato a collaborare con i leader mondiali per gestire le migrazioni forzate in maniera strutturata, e trovare una soluzione coraggiosa e lungimirante. L’Alto Commissario ha inoltre chiesto ai governi di garantire impegno politico, finanziamenti, atti concreti di solidarietà a supporto dei paesi ospitanti e la ricerca di soluzioni per i rifugiati.
”Il mondo – sconvolto dalle immagini  del gran numero di persone in fuga e dalle morti in mare – chiede che le nostre promesse non rimangano solo su carta. Esige azioni pratiche e risultati”.
L’adozione della Dichiarazione di New York sarà seguita oggi da un vertice dei leader sulla crisi globale dei rifugiati, convocato dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama. In occasione di questo vertice, gli stati partecipanti dovrebbero assumersi impegni concreti sotto forma di ulteriori finanziamenti, nuovi posti disponibili nei programmi di reinsediamento o maggiori opportunità per i rifugiati nelle comunità ospitanti.

(@novellatop, 20 settembre 2016)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts