Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

#Unite4Heritage: Gentiloni, nel 2017 tema alto in agenda Consiglio

NEW YORK, 22 SETTEMBRE – Nel 2017, quando occupera’ un seggio non permanente, l’Italia fara’ il possibile per mantenere alta l’attenzione del Consiglio di Sicurezza sul tema degli attacchi intenzionali del patrimonio culturale: lo ha detto il ministro degli esteri Paolo Gentiloni oggi alle Nazioni Unite.

“Distruggono chiese e moschee per spazzar via il passato, per esacerbare le tensioni esistenti e mettere in pericolo la possibilita’ di una futura riconciliazione”, ha detto Gentiloni nel corso di un incontro organizzato con la Giordania, l’Interpol e le agenzie dell’Onu Unesco e Unodc impegnate nella protezione del patrimonio culturale dell’umanità da saccheggi, traffico e distruzioni intenzionali.

Siria e Iraq sono sulla linea del fronte, ma non solo, come ha ricordato il segretario generale dell’Onu Ban Ki moon che ha citato anche tra i casi celebri anche Afghanistan, Mali, Yemen. In un messaggio inviato alla riunione, il capo dell’Onu ha definito gli attacchi al patrimonio culturale “crimini di guerra” e fatto appello alla comunita’ internazionale perché si impegni nella difesa contro chi vuole “cancellare la storia”.

In questo sforzo per proteggere il patrimonio dell’umanità per le prossime generazione Italia e Giordania sono alleate. Gentiloni e il collega giordano Nasser Judeh hanno fatto il punto su una partnership nata proprio all’Onu nel marzo scorso. “Chi distrugge la nostra eredita’ comune cerca di delegittimarci, proteggerla e’ il dovere della nostra generazione”, ha detto Judeh mentre Gentiloni ha messo in luce gli sforzi fatti in Iraq dalle universita’ italiane e dagli specialisti dei Carabinieri, “grazie al nostro straordinario know how, e con la la task force dei cosiddetti “caschi blu della cultura”, creata con un approccio che la Direttrice dell’UNESCO Irina Bokova ha definito “innovativo”. Secondo il ministro, la difesa dell’eredita’ culturale deve diventare parte integrante delle missioni del peacekeeping. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts