Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

2021, ONU vola nello spazio: prima missione su “cacciatore sogni” Sierra Nevada Corporation

GUADALAJARA (MESSICO), 27 SEPTEMBER – Nel 2021 l’ONU volera’ nello spazio. La prima missione spaziale nella storia delle Nazioni Unite permettera’ a tutti gli Stati Membri del Palazzo di Vetro, anche a quelli meno sviluppati che non hanno la possibilita’ di avere un programma spaziale in proprio, di partecipare per 14 giorni a un volo in bassa orbita terrestre a bordo del veicolo spaziale Dream Chaser: lo hanno annunciato la Sierra Nevada Corporation, che ha sviluppato il “cacciatore di sogni” spaziale e l’UNOOSA, l’agenzia Onu per lo spazio con sede a Vienna, al convegno astronautico internazionale di Guadalajara in Messico.

La missione dedicata, in linea con gli obiettivi dello sviluppo sostenibile per il 2030, sara’ la prima per l’ONU e permettera’ di sviluppare e far volare carichi in condizioni di microgravita’ per un periodo di tempo non indifferente: due settimane. L’annuncio del Direttore dell’UNOOSA Simonetta Di Pippo e della proprietaria e presidente di SNC Eren Ozmen, fa seguito al Memorandum d’Intesa firmato in giugno tra UNOOSA e SNC in vista della storica missione spaziale.

“Una delle responsibilita’ dell’Agenzia e’ promuovere la cooperazione internazionale nell’uso pacifico dello spazio”, ha detto la Di Pippo: “Sono orgogliosa di dire che uno dei modi con cui UNOOSA ci riuscira’ sara’ dedicando, grazie alla collaborazione con SNC, una intera missione in microgravita’ agli stati membri dell’Onu, molti dei quali non hanno le infrastrutture o il sostegno finanziario per avere un programma spaziale in proprio”.

Il finanziamento della missione verra’ da varie fonti: “Continueremo a lavorare con SNC per definire i parametri della missione che a sua volta permettera’ ai paesi Onu di accedere allo spaio in maniera cost-effective e collaborativa nell’arco di pochissimi anni. Le possibilita’ sono infinite”.

Per rendere il programma accessibile a paesi che non hanno un’industria spaziale l’UNOOSA offrira’ sostegno tecnico per aiutare a creare payloads destinati alla microgravita’. La scadenza e’ il 2018, per consentire di sviluppare e integrare i progetti con il lancio del Dream Chaser, l’unico velivolo riutilizzabile ‘lifting body’ lungo nove metri, in grado di trasportare fino a sei astronauti da e per la stazione spaziale, atterrando su una normale pista come faceva lo Shuttle, ovunque nel mondo. Questo offrira’ l’oppurtunita’ di far atterrare la missione Onu in qualsiasi stato membro che ha messo a bordo un carico di esperimenti. (@alebal)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts