Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Da Pietrasanta Colomba Pace di Botero vola a Bogota’

L'inaugurazione della Colomba

(di Alessandra Baldini)

PIETRASANTA, 28 SETTEMBRE – Nasce in Versilia, all’ombra delle cave che ispirarono Michelangelo, il simbolo della riconciliazione nazionale in Colombia. La “Paloma de la Paz”, donata dall’artista Fernando Botero al paese latino-americano da lui lasciato oltre 60 anni fa, viene dal laboratorio della famiglia Cervietti a Pietrasanta, dove il Maestro colombiano da due decenni realizza le sue opere. “Naturalmente, anche questa Colomba viene di qui”, ha detto a OnuItalia il titolare Franco Cervietti a proposito della scultura di candido marmo di Carrara installata da qualche giorno nella Casa de Nariño, il palazzo presidenziale a Bogota’.

ctufkgfuiaqmbbd-jpg-large

La colomba di marmo con il becco d’oro e’ un simbolo di quella pace che sembrava impossibile e che invece sabato scorso e’ stata suggellata dalla storica stretta di mano tra il presidente Juan Manuel Santos e il capo delle Farc, Rodrigo Londoño, alias Timochenko. E’ anche un esempio dell’altissima qualità dei laboratori versiliesi, terra della Toscana dove la prossimità delle cave unita alla manualità di scultori e scalpellini ha reso Pietrasanta una meta fondamentale e imprescindibile per artisti e scultori fra Otto e Novecento. Uno di questi artisti e’ stato Botero. “Con questo dono esprimo il mio appoggio e la mia solidarietà a un processo che portera’ un futuro di speranza per tutti i colombiani”, ha mandato a dire l’anziano artista che non era presente all’inaugurazione. E’ la seconda opera che Botero regala alla Colombia dopo la “Madre Superiora” donata durante il governo di Belisario Betancur (1982-1986).

Fernando Botero

Fernando Botero

Nato a Medellin 84 anni fa, Botero e’ lo scultore latinoamericano più noto e quotato del mondo. E’ approdato negli anni Settanta a Pietrasanta, la cittadina alle falde delle Apuane dove hanno origine l’80% delle sculture in marmo e bronzo contemporanee più famose. Botero è stato conquistato dall’abilità degli scalpellini e dall’eccellenza delle fonderie versiliesi, a cui ha affidato la realizzazione delle sue statue. Nel 1983 ha comprato una villa sulle colline che dominano il paese e ha aperto uno studio non lontano da piazza del Duomo. Della tradizione statuaria di Pietrasanta il laboratoprio fondato da Danilo, il padre di Franco, e’ un fiore all’occhiello.

Il laboratorio in loc. Pontone

Il laboratorio in loc. Pontone

Danilo aveva cominciato l’apprendistato da bambino, frequentando le botteghe artigianali com’era d’uso all’epoca. Lavorando per circa quarant’anni nei più prestigiosi studi di marmo, Cervietti Sr. acquisi’ una tale padronanza del mestiere che gli consentì nel 1962 di aprire un proprio laboratorio dove venne affiancato dal figlio Franco, allora ventenne, e da un gruppo di maestri artigiani con i quali aveva già collaborato in precedenza: Francino Boggi, Francesco Benedetti, Marino Canali. In seguito sono entrati a far parte dell’azienda anche i due figli di Franco: Hayato e Hideki.

55dd9b82d52ce59b5faeabc5667d5c01

Il Laboratorio è oggi attrezzato con moderne tecnologie abbinate alla lavorazione tradizionale della scultura in marmo e pietre. Notevole la gipsoteca, una delle più ricche in Italia, con modelli secolari fra cui il calco dell’originale del “David” di Michelangelo, un’ampia ritrattistica di poeti, musicisti, personaggi storici, alcuni ritratti degli ultimi Papi e di numerosi statisti.

Busto Bourgeois, Jeff e Ilona

Busto Bourgeois, Jeff e Ilona

Il laboratorio impiega oggi, oltre ai soci, una decina di dipendenti suddivisi nelle mansioni di smodellatore, ornatista, scultore, pannista e raspatore. Specializzazioni che hanno messo i Cervietti nelle condizioni di lavorare fianco a fianco con i maggiori scultori contemporanei: oltre a Botero, Jeff Koons con il Busto Bourgeois – Jeff e Ilona creata per la mostra Made in Heaven, la Nascita di Alenia di Igor Mitoraj; Pinocchio con il Gatto e la Volpe da un modello di Bruno Lucchesi per un parco privato di Ginevra; la Vela di Kennet Winsor per la Residenza Reale in Giordania; sculture di Jean-Michel Folon;  l’Ambone di Giuliano Vangi, altorilievo in pietra lungo 8 metri, destinato alla nuova Basilica di Padre Pio (San Giovanni Rotondo) su progetto di Renzo Piano; l’Altare (ambone) di Giuliano Vangi per il Duomo di Pisa. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts