Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Italia in Africa: governo approva ambasciate in Niger e Guinea

farnesina
ROMA, 4 OTTOBRE – L’Italia consolida la sua presenza diplomatica in Africa e in particolare nell’area del Sahel e dell’Africa Occidentale cruciali per la gestione dei flussi migratori. Il Consiglio dei Ministri ha approvato la proposta del Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni di aprire nuove ambasciate, in Niger (Niamey) e in Guinea (Conakry). Una terza ambasciata verra’ riaperta nella Repubblica Dominicana dove la sede diplomatica era stata chiusa dalla Farnesina due anni fa.
Niamey

Niamey

 

L’istituzione dell’ambasciata a Niamey, in un paese cruciale per i flussi migratori, assicura all’Italia un rilevante vantaggio operativo, alla luce delle dinamiche che interessano il Sahel, con ripercussioni sotto il profilo della sicurezza in Italia e in Europa, e del ruolo svolto dal Niger per la stabilità regionale. Finora il Niger veniva gestito “in trasferta” dall’ambasciata in Costa d’Avorio.

La grande moschea di Conakry

La grande moschea di Conakry

La riapertura dell’ambasciata a Conakry (soppressa nel 1998) è conseguenza sia del rinnovato dinamismo della Guinea nel contesto regionale, sia delle vaste potenzialità di sviluppo della cooperazione bilaterale, con particolare riferimento ai rapporti economici ed alla gestione del fenomeno migratorio in provenienza dall’Africa occidentale.
Pasquale Ferrara

Pasquale Ferrara

L’Italia ha in Africa oltre venti ambasciatori, quasi per meta’ nominati nell’arco dell’ultimo anno e molti con mandati itineranti in altre capitali. Oggi ad Algeri si e’ insediato il nuovo ambasciatore Pasquale Ferrara, mentre nelle ultimissime settimane hanno assunto le loro mansioni Carlo Campanile in Somalia, Giuseppe Favilli in Ghana, Marco Conticelli in Mozambico, Emanuele Farruggia nella Repubblica Democratica del Congo.

Giuseppe Perrone

Giuseppe Perrone

Giuseppe Perrone, il nuovo ambasciatore in Libia, si insedierà non appena le circostanze della sicurezza lo consentiranno, e anche Giampaolo Cantini e’ in attesa di prendere servizio al Cairo. Lo scorso giugno hanno assunto l’incarico Roberto Mengoni in Tanzania e Claudio Miscia in Angola e Sao Tome. Francesco Paolo Venier da febbraio e’ in Senegal, Domenico Fornara dal 2015 in Uganda, Ruanda e Burundi.

Completano la mappa degli ambasciatori “africani” Fabrizio Lo Basso in Sudan, Samuela Isopi in Cameroon, Enrico De Agostini nello Zimbabwe, Mauro Massoni in Kenya, Stefano Pontesilli in Eritrea, Roberto Natali in Marocco, Giuseppe Mistretta in Etiopia, Alfonso Di Riso in Costa d’Avorio, Sierra Leone, Burkina Faso e Liberia, Raimondo de Cardona in Tunisia, Filippo Scammacca del Murgo in Zambia e Pietro Giovanni Donnici in Sudafrica. (@alebal)
The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts