Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Disarmo, Mati (Italia): Focus su multilateralismo e universalizzazione dei trattati

NEW YORK, 5 Ottobre – “Multilateralismo e cooperazione internazionale rimangono componenti essenziali per ottenere risultati efficaci su disarmo, non proliferazione e controllo degli armamenti”. Ha esordito così Vinicio Mati, all’apertura della Prima Commissione della 71ma sessione dell’Assemblea Generale Onu.

“L’Italia rimane convinta del fatto che l’universalizzazione degli strumenti giuridici vincolanti per le armi di distruzione di massa e dei principali trattati sulle armi convenzionali, è un obiettivo fondamentale che la comunità internazionale deve perseguire”, ha continuato l’ambasciatore. In particolare, ha fatto riferimento al Trattato di non proliferazione nucleare come pietra angolare del regime internazionale per il disarmo nucleare e la non proliferazione, ha sottolineato il “ruolo centrale” dell’AIEA e definito l’entrata in vigore del Trattato sulla proibizione dei test nucleari (CTBT) una priorità assoluta.

Il Rappresentante Permanente al Disarmo ha espresso anche la crescente preoccupazione del governo italiano e della comunità internazionale per i rischi derivanti dal possibile uso di armi di distruzione di massa da parte di gruppi terroristici e condannato le violazioni del diritto internazionale sull’uso delle armi di distruzione di massa e i test nucleari: “Ribadiamo il nostro invito alla Corea del Nord di abbandonare lo sviluppo di tutti i suoi programmi legati al nucleare e ai missili balistici in modo completo, verificabile e irreversibile. Sollecitiamo la Corea del Nord a rifarsi al più presto al Trattato di non proliferazione nucleare, all’AIEA e a firmare e ratificare il CTBT”.

Sul fronte delle armi convenzionali, Mati ha ricordato l’impegno italiano sullo sminamento umanitario volto a prevenire e ridurre gli effetti negativi di mine, munizioni a grappolo, e altri residuati bellici esplosivi. “Questo si esprime sia attraverso programmi di assistenza condotti nell’ambito della cooperazione italiana allo sviluppo, sia attraverso l’attivo coinvolgimento nei processi multilaterali rilevanti, ad esempio con la Presidenza italiana del Mine Action Support Group questo biennio”.

Sottolineata come cruciale la partecipazione delle donne e della società civile nei processi di pace e sicurezza.
L’intervento completo è disponibile qui: wp.me/p5DQef-4Nq (OI/AS)

The following two tabs change content below.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts