Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Frigenti ad Addis Abeba: lanciato progetto UNIDO per PMI giovani, donne

ADDIS ABEBA, 12 OTTOBRE – Prevede uno stanziamento iniziale di 900.000 euro per i prossimi cinque anni, il progetto “Productive work for youth and women through MSMEs promotion in Ethiopia” per promuovere l’imprenditoria femminile e giovanile in Etiopia lanciato nei giorni scorsi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO), a margine del Forum internazionale sull’agro-industria svoltosi la settimana scorsa ad Addis Abeba a cui ha partecipato il Direttore dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo Laura Frigenti, nella sua prima vissuta alla sede estera della Cooperazione nella capitale etiope.

La visita, iniziata con un saluto di tutto lo staff dell’Ufficio competente per Etiopia, Sud Sudan e Gibuti, ha fornito l’occasione non solo di partecipare al primo Forum internazionale sugli investimenti nell’agro-industria, ma anche di incontrare i principali attori dello sviluppo in Etiopia e di visitare alcuni progetti finanziati dall’Agenzia. “L’enfasi alle piccole e medie imprese è un tema molto caro all’Italia – ha detto il direttore dell’AICS, Laura Frigenti al lancio del progetto UNIDO – Abbiamo visto che è stato questo modello a consentire al nostro Paese di trasformarsi nel secondo dopoguerra in un’economia del G7 e riteniamo che sia il più adatto a sostenere una crescita che sia il più equa e sostenibile possibile”.

L’iniziativa – finanziata congiuntamente dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS) e dalla Cooperazione allo sviluppo austriaca (OEZA) – sarà portata avanti nell’area di Addis Abeba e nelle cinque regioni dell’Etiopia dov’è prevista la realizzazione dei quattro parchi agro-industriali (Oromia, Amhara, Tigray e Regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud) e del Corridoio infrastrutturale. L’obiettivo è di affrontare le cause di migrazione e disoccupazione, sostenendo i giovani e le donne e promuovendo la creazione e lo sviluppo di imprese in settori industriali strategici, come la produzione agro-alimentare, la pelle e i prodotti di pelle e tessuti, così come di sostenere la formazione di nuove capacità professionali a livello nazionale e regionale, inclusi gli operatori fornitori di servizi finanziari e per l’accesso al credito.

Ad Addis Abeba la Frigenti ha incontrato il Gruppo dei donatori presenti in Etiopia, composto da 29 paesi riuniti per assicurare un coordinamento efficiente in tutti i settori dello sviluppo e una copertura capillare delle necessità della popolazione. Tra i progetti di cooperazione italiana visitati figura il Cluster della pelle di Addis Abeba – settore sostenuto da molti anni e rifinanziato da Aics per un ammontare di 2,8 milioni di euro per i prossimi tre anni – con l’obiettivo di stimolare la creazione di gruppi di micro, piccole e medie imprese nel settore dei prodotti di pelle tramite il miglioramento delle capacità tecniche e di marketing degli artigiani, oltre che dell’accesso al credito.

Di questo cluster fanno parte le donne imprenditrici del Lomi Group: un’associazione di 10 donne imprenditrici che producono prodotti in pelle e accessori chiamata così considerando il detto tradizionale “50 limoni (‘lomi’ in amarico) sono un peso per una persona ma un gioiello per 50”. Frigenti ha anche firmato un memorandum d’intesa con i rappresentanti della Banca europea degli investimenti (Bei) e dell’Agenzia francese per lo sviluppo (Afd), volto a testimoniare l’importanza di un partenariato strategico e l’impegno a continuare nel lavoro congiunto per armonizzare le attività e massimizzare l’efficienza e l’efficacia degli aiuti forniti in un ambito come quello dell’acqua. La Cooperazione italiana sostiene infatti gli sforzi dell’Etiopia nell’ampliare la disponibilità di servizi “Wash” in 40 piccole e medie città di tutti gli Stati regionali, investendo significativamente sulla gestione delle acque e sulle infrastrutture. (@OnuItalia)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts