Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

OMS: vigilia di esami per candidati a successione Margaret Chan

GINEVRA, 31 OTTOBRE – Vigilia di esame per i sei candidati alla successione di Margaret Chan alla guida dell’OMS: il primo e due novembre l’Italiana Flavia Bustreo e i suoi cinque rivali presenteranno i loro programmi e risponderanno alle domande degli stati membri. Bustreo, candidata del governo italiano, si e’ messa in aspettativa dal suo posto di Direttore del Dipartimento per la Salute delle Famiglie, delle Madri e dei Bambini nel periodo della campagna elettorale. In gennaio il Consiglio esecutivo dell’Onu restringerà la rosa ad al massimo cinque candidati, che poi, in seguito a un secondo esame, saranno ristretti a tre in vista del voto dell’Assemblea Mondiale della Sanità nel marzo 2017.

flavia-bustreo

Tutti i candidati in corsa hanno formidabili credenziali. L’etiope Tedros Adhanom Ghebreyesus era considerato il favorito nel presupposto che la turnazione stavolta toccasse a un paese africano ma le regole sono cambiate perche’ il Comitato esecutivo dell’OMS ha deciso di privilegiare le competenze sulla rotazione regionale, come d’altra parte e’ accaduto al Palazzo di vetro quando il candidato portoghese Antonio Guterres e’ stato scelto come successore di Ban Ki moon in un posto che sarebbe in teoria spettato a un rappresentante di un paese dell’Est e potenzialmente, per la prima volta, a una donna.

Dr. Tedros non parte avvantaggiato e anzi, altri ostacoli si sono frapposti alla sua candidatura tra cui quelli dell’opposizione etiope che lamenta la sua appartenenza a un governo accusato di violazioni di diritti umani, la cattiva gestione dell’epidemia di colera del 2008 quando era ministro e la sparizione di fondi destinati alla sanità.

Douste Blazy

Douste-Blazy

I giochi sembrano dunque aperti con il francese Philippe Douste-Blazy, partito con grande anticipo e credenziali da ex ministro della salute vicino alla Fondazione Clinton che lo piazzerebbe bene in caso di vittoria di Hillary alla Casa Bianca. Gli fanno handicap gli altri due candidati europei: con la Bustreo, dalla eccellente reputazione ed esperienza interna all’OMS ma senza aver mai rivestito funzioni di governo, e il britannico David Nabarro, ex inviato per l’Ebola e che ha il sostegno dell’esecutivo di Theresa May ma che nel dopo-Brexit potrebbe non catalizzare il sostegno del resto dell’Europa. In corsa anche l’ex ministro ungherese Miklos Szócska e l’ex ministro pachistana Sania Nishtar. Essere un donna sara’ un punto di forza dopo che le candidate in corsa per la successione a Ban Ki moon non ce l’hanno fatta e Guterres e’ risultato il nono segretario generale uomo nei 70 anni dell’Onu? O sara’ il caso dell’Europa dell’Est di chiedere una riparazione dopo aver perso il treno del Palazzo di Vetro?

Per leggere il curriculum di Flavia Bustreo e il suo “written statement”, clicca qui. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts