Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Bustreo presenta candidatura: “Le mie proposte per l’OMS di domani”

"la mia visione in cinque parole: equità, diritti, reazione, evidenza e partnership"

GINEVRA, 2 NOVEMBRE – Salute e cambiamento climatico, sostegno ai gruppi piu’ vulnerabili incluse donne e bambini, salute al centro degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, riforma delle reazioni dell’OMS nelle emergenze.  Sono queste le quattro aree che l’italiana Flavia Bustreo ha indicato come priorita’ della sua candidatura a direttore dell’Organizzazione Mondiale per la Sanita’. La dottoressa padovana ma dal 1993 fuori d’Italia e’ la candidata del governo di Roma alla successione di Margaret Chan. Oggi, davanti al comitato incaricato di valutare la sua candidatura e quelle dei suoi cinque rivali, ha ringraziato il Governo Italiano e il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni “per la fiducia e l’onore riservatole”.

“In queste quattro aree sono convinta di poter guidare il cambiamento e migliorare il rendimento e la cultura dell’OMS”, ha detto la Bustreo che tra i sei in corsa e’ l’unica che viene dall’interno dell’Agenzia: e’ infatti la direttrice del Dipartimento per la salute delle famiglie delle donne e dei bambini, anche se da qualche settimana e’ in aspettativa mentre e’ in corso la “campagna elettorale”.

L'OMS

L’OMS

La dottoressa Bustreo ha spiegato al comitato che il “suo OMS” influenzerà il cambiamento del panorama dei finanziamenti alla salute lavorando fianco a fianco con i ministri della salute e delle finanze dei paesi membri e con i donatori. Con l’italiana al timone l’OMS sara’ più efficace e trasparente, “accountable” nei confronti della membership e in grado di ottenere risultati sul terreno. Sara’ anche un OMS più reattivo, sia alle sfide della salute emergenti che ai bisogni delle persone servite  anche attraverso una condivisione delle conoscenze.

“La mia visione per l’OMS si sintetizza in cinque parole: equità, diritti, reazione, evidenza e partnership: cinque parole ma così cariche di potere per la salute globale”, ha detto la dottoressa italiana.

Come i suoi avversari tra ieri e oggi la Bustreo ha parlato per 30 minuti esponendo la sua piattaforma, poi ha risposto alle domande della membership. In gennaio il Consiglio esecutivo dell’Onu restringerà la rosa ad al massimo cinque candidati, che poi, in seguito a un secondo esame, saranno ristretti a tre in vista del voto dell’Assemblea Mondiale della Sanità nel marzo 2017.

Per sapere di più sulle piattaforme dei sei candidati alla guida dell’OMS, cliccare qui.  (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts