Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Conferenza di Bruxelles su RCA, sul tavolo piano nazionale per ripresa e peacebuilding. Giro: “Da Italia € 15 mln”

ROMA/BRUXELLES, 16 Novembre – Un piano nazionale di cinque anni, per la ripresa e il peacebuilding, preparato dal governo della Repubblica Centrafricana insieme alle Nazioni Unite, all’Unione Europea e alla Banca Mondiale, in consultazione con la popolazione sarà presentato alla conferenza di Bruxelles sulla RCA che si apre domani.

“Questa roadmap può aiutare a concretizzare le speranze e le aspirazioni dei Centrafricani: dalla pace alla sicurezza, dalla ripresa economica al miglioramento delle infrastrutture del Paese, allo sviluppo di servizi essenziali, come la sanità, l’igiene e l’educazione. Il programma prevede una strategia per il disarmo, la smobilitazione, la reintegrazione e il rimpatrio; una necessaria riforma della sicurezza e della giustizia; e una strategia per il ritorno dei profughi”, hanno scritto in un articolo pubblicato da Afronline.org rappresentanti del Paese, della RCA, dell’UE e dell’Onu.

Faustin-Archange Touadéra (Presidente della Repubblica Centrafricana), Federica Mogherini (Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione europea), Jan Eliasson (vice segretario generale delle Nazioni Unite) e Makhtar Diop (Vice-presidente della Banca Mondiale) sottolineano che “2,3 milioni di persone  (metà della popolazione) continuano ad essere in difficoltà” nel Paese.

Con 380mila di sfollati interni, attacchi contro i campi in cui sono rifugiati e ai partner umanitari, la situazione nel Paese è fragile: “Il budget stimato per la ricostruzione si aggira intorno all’1.5$ miliardi sui prossimi tre anni”, continuano i quattro che  giovedì inviteranno i Paesi partecipanti alla conferenza a sostenere gli sforzi per la ricostruzione, nell’ottica che “la pace, la coesione sociale e l’unità nazionale possono solo essere raggiunte attraverso lo sviluppo a lungo termine”.

Il vice ministro Mario Giro in missione nella Repubblica centrafricana lo scorso 11 ottobre

Il vice ministro Mario Giro in missione nella Repubblica centrafricana lo scorso 11 ottobre

Mario Giro, vice ministro italiano degli Affari Esteri, parteciperà ai lavori. Via facebook ha annunciato che “domani la Cooperazione Italiana s’impegnerà, di fronte a tutti i Paesi finanziatori del piano RCA, a restare almeno per i prossimi 3 anni e a sostenere le esperienze delle varie ONG italiane che lì lavorano (come Emergency, Coopi e Intersos, Amici del Centrafrica, ecc.) con 15 milioni di euro.”

Clicca qui per leggere l’articolo di Faustin-Archange Touadéra, Federica Mogherini, Jan Eliasson, Makhtar Diop in inglese e in italiano, tradotto da Vita. (@annaaserafini)

The following two tabs change content below.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts