Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Pena di morte: Farnesina plaude voto commissione Onu. Sant’Egidio promuove Congresso

pena di morte

ROMA, 18 NOVEMBRE – Il ministero degli Esteri ha commentato positivamente l’adozione ieri, da parte della Terza Commissione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, della  sesta risoluzione per una moratoria universale della pena di morte. Anche di fronte alla minaccia del terrorismo e alle altre sfide alla sicurezza, secondo la Farnesina,  il voto riafferma l’impegno della comunità internazionale a continuare a lavorare insieme verso un mondo senza la pena di morte. In una nota si ricorda che il risultato ottenuto a New York giunge dopo un intenso lavoro, che con l’impegno della Farnesina e di tutte le istituzioni italiane ha consentito di consolidare il sostegno verso la risoluzione. Un contributo importante è stato offerto anche dalle organizzazioni della società civile che partecipano alla Task Force MAECI-società civile sulla pena di morte: la Comunità di Sant’Egidio, Amnesty International e Nessuno Tocchi Caino.pena di morte

La risoluzione per una moratoria universale della pena di morte è promossa da una coalizione di Paesi di diverse aree geografiche. Dopo il voto di ieri, la risoluzione sarà sottoposta all’adozione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il prossimo dicembre.

Frattanto proprio una delle organizzazioni che più si sono impegante, la Comunità di Sant’Egidio, oganizza per martedi’ a Roma il IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia ‘Per un mondo senza pena di morte’.

”Il Congresso di Roma sarà un’occasione importante – afferma la Comunità – per offrire sostegno e strumenti giuridici a quegli Stati che stanno intraprendendo un percorso verso l’abolizione o la sospensione della pena di morte. Riaffermare la sacralità della vita e diffondere una cultura della pace può togliere terreno alla paura, che in questo tempo difficile rischia di prevalere nelle scelte di tanti.

pena di morteIn questo lungo cammino sono numerosi gli obiettivi raggiunti dai Congressi internazionali dei Ministri della Giustizia, promossi dalla Comunità di Sant’Egidio. L’ultimo paese ad avere abolito la pena di morte è stata la Mongolia, lo scorso 4 dicembre. Il 22 e 23 febbraio il segretario di stato per la Giustizia della Mongolia sarà al Congresso di  Roma insieme ad oltre 30 fra ministri e rappresentanti di paesi africani, asiatici, latinoamericani ed europei. Alcuni di questi (El Salvador, Ruanda, Timor Est, Togo) hanno già abolito la pena di morte da tempo; altri (Repubblica Centrafricana, Mali, Sierra Leone, Sri Lanka) hanno sospeso le esecuzioni e aderito alla votazione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite in favore della moratoria; altri ancora, come il Vietnam e la Somalia, mantengono la pena di morte.
(@novellatop, 18 novembre  2016)
The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts